Pagani. FdI vuole far ascoltare le intercettazioni di Linea d’ombra

Nuovo affondo di FdI nei confronti del presidente del Consiglio comunale Antonio Donato e dei ‘bottoniani’. Il gruppo consiliare chiede l’aula consiliare per rendere pubbliche le intercettazioni telefoniche del processo ‘Linea d’ombra’.

“Abbiamo chiesto la convocazione di un consiglio comunale per discutere dell’ingiusto scioglimento del consiglio comunale e per stabilire le azioni di risarcimento da avviare contro Panico Amerigo e i complici che lo hanno determinato. Sono stati convocati tre consigli comunali e quest’argomento non e’ stato inserito – si legge nella nota -. Il presidente Donato, che ha strumentalizzato quest’evento drammatico in questi anni tanto da sottoscrivere insieme a Rita Greco un documento depositato in aula il 30 dicembre 2014 in cui affermavano infiltrazioni camorristiche nel Comune e nella Multiservice, non vuole discutere perche’ sa che la verita’ vera lo rende nudo davanti alle bugie raccontate in questi anni e sa che molto grave e’ stato l’agire complottista dei suoi alleati, i Bottoniani, e di qualche avvocato suo amico che, addirittura, era al corrente in anticipo di quello che sarebbe accaduto nei giorni successivi. Inoltre vuole evitare azioni risarcitorie contro i Panico a lui mai ostili.
Rispetto a tale arroganza e sfregio delle istituzioni, il Gruppo consiliare FDI chiedera’ l’utilizzo dell’aula consiliare, per un giorno a settimana e per i prossimi tre mesi, per consentire alla cittadinanza di poter partecipare all’evento ” Gennaio – luglio 2011 Il complotto” in cui si potranno ascoltare dal vivo le innumerevoli intercettazioni telefoniche che ben spiegano cosa e” accaduto. Tanto perche’ tutti devono sapere e capire cosa sono stati capaci di fare poche ma cattive persone che, in parte, ancora operano nelle istituzioni”.