“Lavoro nero”, controlli nei ristoranti

Scoperti 18 lavoratori impiegati “in nero”

I finanzieri del comando provinciale Napoli, nell’ambito del costante impegno profuso nella repressione del fenomeno del sommerso da lavoro e dello sfruttamento della manodopera irregolare o “in nero”, hanno eseguito ispezioni nei confronti di alcune attività commerciali del settore della ristorazione, a Napoli, Portici, Ischia e Capri.

Gli accertamenti eseguiti presso i locali interessati hanno consentito di riscontrare taluni casi di impiego di manodopera irregolare, constatando la presenza di 18 lavoratori impiegati “in nero”.
Inoltre, nei confronti di 2 attività è stata avanzata la richiesta di adozione del provvedimento di sospensione, mentre, per ciascun dipendente non regolarmente assunto, sarà irrogata la “maxisanzione” prevista dalla normativa di settore.

Agro24Spot