Angri. Troppi ingorghi. Si chiede un piano traffico

Un piano del traffico per disciplinare il flusso veicolare in città. Lo chiedono a gran voce i cittadini all’amministrazione Ferraioli. Automobilisti intrappolati negli ingorghi negli orari di punta e durante l’ingresso e l’uscita di scuola mettono in ginocchio l’intero sistema di circolazione urbana.

L’ultimo abbozzo di piano traffico risale alla prima metà degli anni duemila. Fu l’allora sindaco Umberto Postiglione a commissionare uno studio per l’attuazione di un sistema di viabilità efficiente. Le ultime significative modifiche vennero introdotte sempre nella metà degli anni duemila dall’allora comandante della Polizia Locale Giuseppe Rivello.

Vennero rivisti i sensi di marcia in Via Nuova Cotoniere, Via Giudici e Corso Vittorio Emanuele. Qualche anno fa l’attuale comandate dei caschi bianchi Anna Galasso invece rivide i sensi di marcia in Via Ponte Aiello, Via Pentangelo e Via del Monte.

Ora c’è la necessità di rivedere alcuni tratti critici e non mancano proposte indirizzate all’amministrazione comunale che già si starebbe adoperando anche l’incentivo e la proposta di forme alternative allo spostamento non solo sulle quattro ruote. Intanto le cattive notizie non mancano soprattutto per gli esercenti e gli automobilisti.

Nell’area parcheggio dell’ex Mcm la sosta passa da 50 centesimi ogni due ore a 1 euro l’ora. Variazioni tariffarie anche a Fondo Caiazzo.Reintrodotto anche il pacchetto abbonamenti. La sosta a pagamento viene allineata al sistema Easy Park, introdotto a giugno per consentire agli utenti pagamenti elettronici attraverso una app installata sul cellulare.