Bullismo nelle scuole. Primato per Napoli e Caserta

Al centro dell’indagine 221 scuole coinvolte attraverso i dirigenti e i docenti del sistema scolastico campano

Fenomeno bullismo nelle scuole. Sono Napoli e Caserta le scuole con il maggior numero di atti di bullismo. Il dato emerge dalla ricerca del Garante per l’infanzia e l’adolescenza della Regione Campania, Cesare Romano, dal titolo “L’incidenza del bullismo nelle scuole della Campania 2016/2017”, presentata in Consiglio regionale.

Al centro dell’indagine 221 scuole (il 22% della popolazione scolastica campana) coinvolte attraverso i dirigenti e i docenti del sistema scolastico campano. L’obiettivo generale era quello di fotografare il fenomeno, in un report biennale, sia per comprenderne la portata che per monitorare, nel tempo, l’efficacia delle strategie e delle azioni di contrasto adottate. Dai dati pubblicati sono emersi 616 casi di bullismo con un alto tasso nelle province di Napoli e Caserta.

Nel Napoletano si rileva una media di circa 3 casi per scuola, con una eccezione di 70 casi concentrati in un unico istituto comprensivo. Segue la provincia di Caserta che registra una media di 2,5 casi per scuola, con uno scostamento in due istituti, nei quali si sono manifestati 39 e 90 casi di bullismo.

Secondo gli insegnanti per contrastare con efficacia il fenomeno del bullismo, serve maggiormente il coinvolgimento della famiglia e la responsabilizzazione dei ragazzi (gruppo classe). Emerge anche la necessità di coinvolgere il sistema scolastico e infine l’esperto. (Gup/ Dire)