Scafati. Forti perché liberi, Trezza: “Bonus anti-amianto, fondi per le palazzine Ina Casa: ora o mai più”

Il problema dell’amianto è molto sentito nei territori dell’Agro Nocerino Sarnese e a Scafati in particolare, dove l’inquinamento ambientale già è a livelli altissimi per la presenza di polveri sottili a livelli non verificati e Fiume Sarno. Ecco perché l’associazione Forti perché Liberi presieduta da Gianluca Trezza propone di risolvere la problematica in alcune delle strutture sensibili del territorio, chiedendo alla triade commissariale e agli uffici preposti di partecipare al bando antiamianto ministeriale.

Questo bando è aperto sia alle amministrazioni pubbliche che anche ai privati che potrebbero usufruire del bonus fino a 15 mila euro, per bonificare delle strutture dalla presenza di questo materiale molto pericoloso per la salute umana. Il bonus può essere richiesto fino al 30 Aprile 2018 ed il decreto dà la priorità agli edifici pubblici collocati in un raggio non superiore ai 100 metri da scuole e asili, strutture di accoglienza socio assistenziale, impianti sportivi, parchi giochi e ospedali.Dopo la richiesta dei progetti di bonifica, si costituirà una graduatoria che avrà un determinato ordine in base a quelli che sono i principali siti di interesse nazionale, per la ripartizione dei fondi – spiega TrezzaLa città di Scafati potrebbe approfittare di questo fondo, seppure a cifra esigua, considerata la preoccupante situazione di cassa di Palazzo Meyer, per cercare di ripristinare una situazione incresciosa e di evidente rischio per la salute pubblica che si è nelle palazzine Ina casa di Scafati in via Martiri d’Ungheria. Le palazzine di proprietà dell’Istituto Provinciale ed in gestione alcomune di Scafati, com’è possibile vedere anche dal dossier fotografico in allegato, hanno le caditoie ed i tubi di raccolta dell’acqua piovana ancora realizzati in amianto in alcune parti. Una situazione inaccettabile a cui i cittadini residenti vengono continuamente esposti. Per non parlare anche del degrado che interessa tale materiale completamente esposto agli agenti atmosferici”.

bty

bty

Fattibilità? Trezza dice la sua: “In passato già gli uffici tecnici hanno lavorato su tale tema e chiesto
un rapido intervento in merito alla situazione, quantificando una spesa prevista che poteva essere anche raggruppata nell’ambito dei 10 mila euro
– spiega il leader di Forti perché Liberi – Cifra quindi, ampiamente coperta anche da questi fondi. Ecco perché, chiediamo un rapido intervento di bonifica nelle palazzine popolati Ina Casa, magari approfittando di questa opportunità di finanziamento. È evidente che questa azione da sola non può bastare, considerando che anche altri impianti pubblici (come ad esempio la manifattura dei tabacchi di via Diaz) avrebbero bisogno di un intervento di bonifica urgenti ed essenziali. Insomma, c’è tanto da fare ma da qualche parte bisogna pur iniziare: l’occasione del bando anti-amianto non può certo essere lasciata inutilizzata!
Chiediamo un atto di coscienza, per noi e per i nostri figli
”.