Sarno. Strappo in maggioranza, Tresca lascia

Bufera in consiglio comunale a Sarno: il consigliere comunale di maggioranza Massimiliano Tresca, dopo aver manifestato il suo disaccordo con l’amministrazione comunale, ha deciso di dimettersi, facendo emergere tutto il suo disappunto e lasciando l’aula.

“Questa amministrazione va avanti con metodi feudatari e io non posso più prendere parte a questo progetto – dichiara Tresca – era un atto dovuto dimettermi da consigliere perché non condivido più la linea politica di questa amministrazione. Sarebbe stato ridicolo fare opposizione in aula poiché questa amministrazione è stata eletta al di là che con i miei voti anche con i voti di un’intera coalizione e, quindi, era istituzionalmente fuori luogo fare opposizione visto che sono stato eletto per sostenere questa maggioranza. La mia decisione è maturata dopo gli ultimi tre mesi di silenzio assordante rispetto a quelle che erano le esigenze della città e le aspettative di questa amministrazione provvedimenti che non sono stati presi, silenzio assoluto e poca condivisione. Il bilancio è stato portato in aula senza alcuna condivisione con noi e, quindi, mi è sembrato e mi sembra fuori luogo da parte mia, portare avanti e sostenere una maggioranza che non è quella che ho sostenuto e ho creduto 4 anni fa, è un fallimento, pertanto io non voglio più sostenerlo. Continuerò a fare politica. Da 4 mesi ho intrapreso il progetto con Potere al popolo ho aderito con grande piacere e metterò tutto il mio impegno per far crescere questo progetto sia a livello locale sia a livello provinciale che a livello nazionale, ma di certo non mi candiderò più a consigliere comunale. Ho fatto circa 10 anni il consigliere ed è arrivato il momento di dare spazio agli altri”.

Al posto di Tresca in consiglio comunale entrerà Lidia Robustelli.
Fonte PuntoAgroNews