Ospedale di Cava, la nota del M5S

Presidio Ospedaliero S. Maria Incoronata dell’Olmo, presa di posizione del MoVimento 5 Stelle.

Di seguito la nota.

“In relazione al comunicato stampa rilasciato dall’associazione Libro Bianco, e sulla scia dell’inutile e controproducente interrogazione consiliare promossa dai consiglieri
dormienti del M5S campano, gli attivisti cittadini del M5S di Cava de’ Tirreni che rappresentano l’unica forza pentastellata in città riconosciuta a seguito della certificazione della lista per le amministrative del 2015, ci tengono a precisare che la posizione assunta dall’associazione pseudo grillina è del tutto autonoma e non
rispecchia minimamente le esigenze territoriali, nonché quelle dei cittadini cavesi”, si legge nel comunicato.

E ancora: “L’uscita dal Ruggi D’Aragona sarebbe un suicidio sanitario. Ritornare sotto l’egida dell’ASL, infatti, non garantirebbe alcunché, a meno di non voler ripercorrere le sorti della cittadina di Agropoli, alla quale sono venute meno addirittura le ambulanze.
Qualora in futuro ci fosse lapossibilità per il gruppo regionale del M5S di governare il territorio Campano, attraverso rappresentanti diversi da quelli odierni, non si capisce per quale motivo ci si debba accontentare di un “presidio di minima” rispetto alla
evidente necessità di avere un presidio ospedaliero funzionante, efficiente e con reparti adeguati alla domanda sanitaria della città e dei territori attigui (costiera amalfitana). Il
M5S di Cava de’ Tirreni, in linea con quello nazionale, risponde a principi di
democrazia DIRETTA, ai fini della quale, qualunque fondamentale decisione attinente al territorio cittadino dovrebbe essere condiviso da larga parte della cittadinanza, e sul punto non ci risulta che la città sia disposta a rischiare di perdere completamente il
presidio ospedaliero”.

La nota è a firma del Meetup Amici di Beppe Grillo Cava de’ Tirreni