Si va su scenari di guerra per la terza serata dei Venerdì d’Autore con “Afghanistan. Diario di un Medico” di Rino Pauciulo

Si va su scenari di guerra per la terza serata dei Venerdì d’Autore della Pro Loco di Sant’Egidio del Monte Albino con “Afghanistan. Diario di un Medico” di Rino Pauciulo – Gaia Edizioni – che sarà presentato venerdì 27 aprile alle ore 20.00 nella Biblioteca Civica Ferdinando Ferrajoli in via Pulcinella.

Ancora una volta la rassegna letteraria cambia argomento e, dopo l’attualità e la narrativa noir, passa ad un racconto di vita vissuta. “Afghanistan. Diario di un Medico” è un libro originale, autentico e coinvolgente. Narra in prima persona l’esperienza vissuta in Medio Oriente da un uomo, prima ancora che medico, che è andato là dal 14 febbraio ai 16 giugno 2012 come ufficiale medico della Croce Rossa Italiana, partito volontario per curare militari e popolazioni. La volontà di ricordare la quotidianità dei giorni della missione Isaf, il suo pensiero e le molteplici emozioni, fanno da architrave a libro di Pauciulo, che colpisce per l’autenticità e l’immediatezza con le quali lo si legge. Nella prefazione del libro il lettore è avvisato: “ Sembra di essere in quelle zone e di sentirne quasi gli odori sfogliando le pagine del suo racconto, tanto sono descritte minuziosamente le giornate di lavoro che fanno trasparire sempre si più l’uomo che il militare, il volontario più che il collezionista di patacche da mettere sull’uniforme”.

L’autore del diario, Rino Pauciulo, è un chirurgo. Ha prestato per anni servizio all’ospedale Umberto Primo di Nocera Inferiore nel reparto di Chirurgia d’Urgenza, oggi è dirigente responsabile del Pronto Soccorso dell’Ospedale di Eboli. Si occupa da tempo di volontariato, tra l’altro è ufficiale medico del Corpo Militare della Croce Rossa. Ha prestato la sua opera di medico su scenari di crisi come l’Afghanistan, la Libia, i Balcani all’epoca della Missione Arcobaleno. È stato imbarcato sulle navi della Marina Militare per l’operazione Mare Nostrum a soccorso dei migranti nel Mediterraneo e sulla portaerei Cavour per la missione “Il Sistema Paese in Movimento” che ha toccato diversi paesi dell’Africa.

La presidente della Pro Loco Angela De Rosa dichiara: “ Con il terzo appuntamento diamo voce ad un autore del territorio. Con gli incontri del Venerdì d’Autore vogliamo invitare le persone a riflettere e confrontarsi su vari argomenti, non è un caso che la seconda parte dell’appuntamento, dopo un’intervista moderata, sia tutta lasciata alle domande del pubblico. Venerdì sera contiamo di avviare un interessante confronto con una persona delle nostre terre che ci porta un’esperienza umana particolare in luoghi difficili, che può aiutarci a capire la tragedia che si sta consumando nel Medio Oriente dilaniato dalle guerre”.

Dopo l’appuntamento con “Afghanistan. Diario di un medico” del 27 aprile, i Venerdì d’Autore proseguono il 4 maggio con “Da Sud” volume di autori vari a cura di Mimmo Oliva per Polis Sa Edizioni, nel quale firme importanti del panorama culturale campano analizzano il Meridione d’Italia da un punto di vista singolare, mai scontato, contrapposto alla questione meridionale ed alla questione settentrionale.

Venerdì 11 maggio si affronta un altro argomento di grande interesse: il terrorismo, che viene affrontato ed analizzato con un giornalista che ha scritto diversi volumi sul tema. Simone Di Meo presenta il suo: “ Ho scelto di andare a vivere all’inferno. Confessioni di un terrorista dell’Isis”.

Venerdì 18 maggio si squarcia il velo su uno dei più feroci eccidi dei nazifascisti: la strage di Niccioleta del 1944, con Redenta Formisano ed il suo “Prima che me ne scordi”.

Venerdì 25 maggio il giornalista olandese Maarten Van Aalderen, corrispondente dall’Italia per il De Telegraaf, uno dei giornali più prestigiosi d’Olanda, presenta il suo “Talenti d’Italia”, viaggio attraverso le giovani eccellenze del Bel Paese.

La chiusura è per venerdì 1 giugno, con Isaia Sales che analizzerà come le mafie stiano scalando l’economia col volume “Le mafie nell’economia globale. Fra la legge dello Stato e le leggi di mercato”, scritto a quattro mani con Simona Melorio.