Pagani. Fermento in vista del voto, indiscrezioni sui nomi dei papabili candidati

La campagna elettorale per le amministrative, a Pagani, è già iniziata. Al voto manca circa un anno, ma sono già numerosi i papabili candidati. L’elenco degli aspiranti sindaci, pronti a sfidare l’uscente Bottone, è ricco.

Nel centrodestra spicca il nome di Lello De Prisco. L’ex assessore della giunta Gambino, dalla sua pagina Facebook “In cammino con Lello”, lancia messaggi e proposte. Il giovane avvocato, forte dell’esperienza politica e amministrativa maturata, è pronto a tentare la scalata alla poltrona più alta di palazzo San Carlo. De Prisco avrebbe già incassato la fiducia e il sostegno di alcune associazioni anche non propriamente di centrodestra e potrebbe aggregare anime diverse in una coalizione trasversale. È lui stesso a confermarlo su Facebook.

“A Pagani c’è un grosso fermento pre elettorale e non solo. Gli inviti ad incontri che ricevo sono tanti e indistintamente da ogni gruppo aggregativo, la qual cosa mi fa molto piacere – scrive De Prisco sulla sua pagina -. Al di là delle finalità più o meno elettorali, e delle posizioni politiche, ringrazio tutti, cercherò di partecipare senza alcun pregiudizio agli incontri, ben consapevole che il Cammino ci potrà vedere in un tratto di strada insieme o divisi al primo bivio. Degli inviti ricevuti si deve essere sempre contenti, anche perché se inaspettati fanno molto piacere e sono gratificanti. Grazie ancora”.

Una candidatura quella di De Prisco che potrebbe essere sostenuta anche dal consigliere regionale Alberico Gambino e dal suo gruppo. Il condizionale resta d’obbligo poiché, accanto al nome di De Prisco, sul tavolo ci sarebbero anche quello di Nicola Campitiello, giovane medico paganese in rotta con il Pd, quello di Anna Rosa Sessa, portavoce di Gambino e battagliera consigliera comunale e quello di un altro ex assessore della giunta Gambino, Enzo Campitiello.

Fratelli d’Italia, invece, potrebbe puntate ancora una volta su Massimo D’Onofrio. Dalle prime uscite pubbliche degli esponenti della coalizione che per anni ha governato la città appaiono nitide le spaccature e, difficilmente, il centrodestra esprimerà un candidato unico.

Poche le certezze nel centrosinistra: il PD ha deciso di allearsi con Bottone e dovrebbe sostenerlo anche alle prossime elezioni.