Pagani. Le critiche della Confcommercio all’amministrazione. Nel mirino l’assessore Del Cedro

Luigi Amendola, presidente della Confcommercio Pagani, punta il dito contro “l’inerzia” dell’amministrazione comunale. Nel mirino finisce, in particolare, l’assessore alle attività produttive Francesca Del Cedro.

Amendola, per dare risposte ai commercianti che hanno chiesto notizie circa le attività poste in essere dall’associazione per affrontare e risolvere i problemi che attanagliano il settore e per il rilanciare il commercio in città, in una nota ha fornito il dettagliato elenco delle proposte avanzate all’amministrazione Bottone.

“Il 16/02/2017 (prot. Gen. comune di pagani 7649) si provvedeva a trasmettere i documenti per lo studio di fattibilità del progetto rigenerazione urbana del centro storico. POR CAMPANIA FESR 2014/2020. Si precisa che per 1a realizzazione del predetto POR sono stati preventivati novanta milioni di euro di cui quarantacinque a fondo perduto. E l’amministrazione dov’è? – si legge nella nota -. Il 06/04/2018 (prot. Gen. Comune pagani- 0016395) in considerazione del fatto che il Comune nulla aveva messo in atto in relazione alla richiesta del 16/02/2017, si provvedeva a presentare una ulteriore missiva chiedendo il rilascio di un parere preliminare da parte del comune per avviare l’iter autorizzativo con il Ministero dello Sviluppo Economico con la Confcommercio Nazionale e con la CEE. Tale richiesta era dovuta al- fatto che la Confcommercio nazionale nel mese di aprile 2018 ha riavviato il- supporto alle confcommercio locali nelle attività congiunte con le amministrazioni locali per realizzare laddove necessario, i progetti di rigenerazione urbana per il rilascio degli atti per l-‘ottenimento del finanziamento
POR CAMPANIA FESR 2014 /2020. Ad oggi non è pervenuta alcuna risposta da parte del Comune. Il 24/01/2018 (prot.gen. 3758) fu richiesto al Comune l’istituzione dell’ isola pedonale sperimentale nel tratto corso Padovano/Via Marconi per 3 mesi, dal 3/02 a] 07/04 orario 18:00/23:00. Nessun riscontro. Il 25/01 /2018 (prot. Gen. 4041) si presentava unitamente alla locale Confartigianato, richiesta di incontro urgente per discutere di
“sicurezza”, “viabilità”, “piano di rilancio del commercio”, “siad”: si precisa che alla data odierna non si è avuto alcun riscontro”.

Poi arriva l’affondo. Questa la risposta all’assessore Del Cedro “che – prosegue la nota – in una intervista del mese di marzo asseriva che per colpa dei commercianti non si realizzava alcun progetto e che ciò era dovuto innanzitutto all’inerzia delle associazioni insistenti sul territorio”.

Secondo Amendola “una amministrazione attenta alle problematiche di Sviluppo della città, dopo aver consultato le associazioni di categoria e ricevuto gli opportuni suggerimenti, dovrebbe provvedere alla realizzazione di
quanto concordato con le stesse e non il contrario. L’inerzia – conclude – a chi appartiene?”.