“Professionista esterno all’ufficio Suap del Comune di Siano”, la denuncia dell’opposizione

“La gestione dello sportello Suap al Comune di Siano non è redditizia per le casse municipali e non aiuta i commercianti”. Così Antonio Buonaiuto, capogruppo di “Siano nel Cuore”, denuncia il caso che si sta registrato sulle pratiche relative alle attività produttive nella comunità della Valle dell’Orco. “Il Comune ha incaricato un professionista esterno che viene pagato con il 75% dei proventi per ogni pratica terminata. Questo ovviamente porta un doppio danno all’amministrazione comunale: in primis vengono mortificate le professionalità già in seno al Municipio e, inoltre, il costo per i commercianti non può diminuire perché il Comune deve pagare il professionista esterno. Tutto questo è inaccettabile”.

Per Buonaiuto, infatti, la Giunta del sindaco Giorgio Marchese dovrebbe gestire totalmente in house il servizio e studiare nuove tariffe agevolate per i commercianti. “Un’amministrazione comunale degna di questo nome non può non tener conto delle esigenze dei propri dipendenti, valorizzando le proprie prerogative. Inoltre, serve dare un rilancio al commercio sul territorio. Questo però non potrà mai accadere se si assume un professionista esterno allo sportello Suap, che viene pagato con il 75% degli introiti per ogni pratica. Si tratta di un grave danno erariale per le casse comunali. Invece, internalizzare il servizio potrebbe dare vita a un ragionamento sullo sconto delle tariffe, rendendendole meno oppressive e aiutando in modo concreto i commercianti che decidono di investire e scommettere su Siano. Tutto questo, insieme alla gestione dei parcheggi, sta affossando i negozianti in città. Speriamo che la Giunta Marchese si ravveda. In questo modo non si sta facendo assolutamente il bene della città. Non si può pensare agli interessi di pochi e dimenticarsi della collettività”.