San Marzano. “Stadio comunale abbandonato degrado”, la denuncia di Salvatore Annunziata

“Stadio comunale tra degrado e abbandono, una tribuna coperta inagibile e il campo di calcetto con la tensostruttura, ormai inesistente, avvolto dall’incuria”: questa la denuncia del coordinatore cittadino di Forza Italia, Salvatore Annunziata sul caso.

“Questo è il risultato di un’amministrazione comunale distratta che non vede nel calcio e nello sport una valvola di sfogo importante per i tanti giovani” commenta il coordinatore cittadino di Forza Italia, Salvatore Annunziata “Una situazione assurda, in particolar modo in questo momento che una squadra cittadina “Per San marzano” è vicina allo storico traguardo della vittoria del campionato di Prima Categoria per accedere in Promozione. Un traguardo importante ma purtroppo, mentre la tifoseria e la città sono pronte ad affrontare e a sostenere tutti gli sforzi fatti da imprenditori locali per vincere il campionato, l’amministrazione invece, non ha regalato nemmeno una struttura agibile alla tifoseria. Tanti i tifosi al seguito della squadra che, durante il tutto il campionato, non hanno mai avuto la possibilità di assistere alle partite interne dalla tribuna coperta, rimasta chiusa per incapacità e menefreghismo di una classe politica a cui a poco importa la crescita sportiva della città. Negli ultimi anni non è stato fatto nulla per lo stadio cittadino, se non adeguamenti strutturali obbligatori al campo”.

Nello specifico Salvatore Annunziata parla delle condizioni della struttura: “C’è una tribuna coperta, ereditata dall’amministrazione precedente, da fare invidia a tanti campi del territorio: è da anni inagibile e solo domenica sarà riaperta eccezionalmente per festeggiare la squadra vicinissima al traguardo della Promozione. Tante amministrazioni del territorio, negli anni, si sono attivate per accedere a fondi Coni e altri finanziamenti per la realizzazione del sintetico: solo San Marzano è rimasta fuori da tutto, come se lo sport non fosse una priorità di natura sociale, aggregativa e culturale. Eppure, come i nostri ragazzi hanno dimostrato, il nome di San Marzano può farsi onore anche in ambito calcistico e quindi c’è bisogno di maggiore sostegno”.