CGS Salerno replica alla Csa Fiadel

Riceviamo e pubblichiamo.

“In riferimento al comunicato stampa diffuso dal sindacato CSA FIADEL si rappresenta che il ricorso ai contratti di solidarietà per tutti i lavoratori del CGS Salerno è la chiara manifestazione di volontà da parte della società, condivisa dal Socio Unico Consorzio ASI Salerno, di salvaguardare ogni singolo posto di lavoro.
Gli investimenti previsti e programmati nel breve e medio periodo sono assolutamente certi nella loro realizzazione e riguardano:
Impianto di Oliveto Citra per euro 450.000,00 deliberato dal Socio Unico Consorzio ASI. Al fine della realizzazione, trattandosi di finanziamento pubblico, sarà necessario ottemperare alle condizioni, norme e tempi necessari per la definizione dell’intervento.
Impianto di Battipaglia prog. FIO/107 per euro 6.000.000,00. Tale finanziamento Regionale è stato previsto per l’ASI di Salerno e finalizzato alla ristrutturazione dell’impiantistica del depuratore di Battipaglia. I tempi per l’ottenimento del finanziamento, considerata la natura pubblica dello stesso, dovrebbero concretizzarsi entro l’anno 2018.
Per quanto riguarda i corsi di formazione, il CGS Salerno è sempre stato attento e puntuale nella realizzazione di corsi sia sull’aggiornamento professionale che sui principi di sicurezza aziendale. Infatti il prossimo settembre inizieranno i nuovi corsi di formazione sia sulla sicurezza che sui processi produttivi.
In riferimento alle norme di sicurezza applicate in azienda si precisa che per ogni impianto è stato redatto il documento di valutazione dei rischi ai sensi dell’art. 17 comma 1 lett. (a del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. e annualmente si provvede, secondo programma, ad effettuare la sorveglianza sanitaria si cui all’art. 41, le ultime sono state fatte in data 26 e 27 giugno u.s.. Infine, ad ogni dipendente, a secondo delle mansioni, vengono consegnati i dispositivi di protezione obbligatori”