Lavoro. Controlli dei carabinieri, scattano denunce e sequestri

Quattro titolari di locali pubblici e realtà produttive denunciati; un’azienda costretta alla sospensione delle proprie attività per la mancanza dei requisiti di sicurezza; oltre 20.000 euro di multe comminate. E’ il bilancio di una serie di controlli effettuati dai carabinieri operanti in stazioni dipendenti dalla compagnia di Nola (Napoli), che hanno agito in collaborazione con la Direzione territoriale del lavoro, il gruppo carabinieri Tutela lavoro di Napoli e l’Asl Napoli 3 Sud.

I militari dell’Arma di Palma Campania hanno denunciato un uomo di 39 anni, titolare di un bar in via Circumvallazione, perchè aveva dato occupazione ad una cittadina ucraina irregolare. Al proprietario del locale sono state anche comminate sanzioni amministrative per violazioni al testo unico della sicurezza sul lavoro. Sempre i carabinieri di Palma Campania hanno denunciato la proprietaria di una ditta individuale di confezionamento di abbigliamento: la quarantacinquenne e’ risultata sprovvista del prescritto documento di valutazione dei rischi. Denunciato anche un uomo di 23 anni, titolare di una caffetteria nella quale è stato trovato un impianto elettrico tenuto non a norma. Per lui anche sanzioni amministrative per 2.500 euro a causa della presenza di lavoratori privi della certificazione di sorveglianza sanitaria. I carabinieri della stazione di Tufino, infine, hanno denunciato la titolare di 58 anni di una ditta edile, che impiegava – secondo quanto ricostruito dalle forse dell’ordine – lavoratori privi di sorveglianza sanitaria e adeguata informazione in materia di sicurezza, senza l’adeguata messa in sicurezza dei luoghi di lavoro. Contestate inoltre violazioni amministrative per 17.097 euro e disposta la sospensione dell’attivita’. (ANSA)