Angri. Incarichi legali, Milo e Ferraioli si scontrano a colpi di post

Incarichi legali, è scontro tra il consigliere di minoranza Alberto Milo e il sindaco Cosimo Ferraioli.
Dal suo profilo Facebook, Milo lancia strali, accusando il primo cittadino di aver “distrutto il settore avvocatura del Comune”.

“Dal primo gennaio 2018 ad oggi, l’amministrazione ha affidato 54 incarichi legali ad avvocati esterni per una spesa iniziale di € 57.631,08 – segnala Milo -. Inoltre, ha nominato una nuova responsabile dell’avvocatura che costa 52.000 mila euro in un anno il cui compito finora è stato firmare incarichi ad altri avvocati e non mettere mai piede in Tribunale”. Poi, l’affondo: “Ecco che fine fanno i nostri soldi, cari concittadini, e poi quando si tratta di sostenere i disagi delle famiglie in difficoltà chiudono le porte in faccia. L’ennesima estate morta nella nostra città, priva di iniziative, anche le più essenziali, come può essere un campo estivo per i bambini, in modo da facilitare tutte le mamme che vanno a lavoro. Sarà difficile ricostruire dalle macerie che ci lascerà questo Sindaco ma insieme ce la faremo”, conclude Milo.

Per replicare, il sindaco Ferraioli usa lo stesso mezzo, la sua bacheca Facebook.
“Ma Milo è lo stesso consigliere comunale che ha amministrato questa città per 5 anni, senza che se ne veda traccia? Cosa si ricorda dei 5 anni di amministrazione con Milo? Niente! Il nulla, qualche giostrina e un po’ di marciapiedi rifatti, tra uno spettro al Castello e l’altro – scrive il primo cittadino -. Neanche un progetto serio per il futuro, la benché minima visione della cità, del territorio e delle sue necessità, una storia infinita per approvare un Piano Urbanistico fallita miseramente per motivi elettorali, nonostante il super incarico al prof. Universitario, pagato con i nostri soldi e da me poi annullato, per non parlare dello Stadio Novi…( famoso Campo di patate ) e di cosa mi accusa, via Facebook ovviamente, della presunta distruzione del settore avvocatura del comune”.

E ancora: “Milo finge anche di non sapere che l’avvocato ha chiesto il trasferimento a Nocera Superiore .con la conseguente necessità di doverlo sostituire, visto il contenzioso in corso. Il comando dell’avvocato é stato concesso, solo in virtù delle sue reiterate richieste. Null’altro. Alla fine dei procedimenti affidati all’esterno contro il comune di Angri vedremo chi ha materialmente speso la somma anticipata, se il comune o le parti avverse. E lo stipendio del nuovo avvocato è lo stesso di quello precedente, visto che a lui glielo paga il comune di Nocera Superiore. E per ora, col nuovo avvocato, che é presente in giudizio sia al TAR che dinanzi alle altre autorità giudiziali e che cura anche l’attività stragiudiziale dell’ente e ci va, come tutti gli atri tranne uno, abbiamo già raggiunto risultati più che soddisfacenti, l’amministrazione “Milo” quanti ne ha risolti? Noi continuiamo a fare i fatti. Buona estate”, conclude Ferraioli.