Angri. Nessuno vuole il parco giochi che resta chiuso

L’amministrazione avrebbe proposto alla parrocchia della Regina Pacis la gestione dello spazio senza nessun riscontro a quanto afferma lo stesso primo cittadino Cosimo Ferraioli

Nessuno vuole il parco giochi. Resta chiuso e nel degrado l’area ludica di Via Nazionale, realizzata negli anni novanta all’interno del plesso della scuola Taverna. L’area, dotata di giostrine, era stata riqualificata, con le altre aree attrezzate, durante l’amministrazione Mauri ma non affidate in gestione.

L’amministrazione avrebbe proposto alla parrocchia della Regina Pacis la gestione dello spazio senza nessun riscontro a quanto dice lo stesso primo cittadino Cosimo Ferraioli. Lo stesso sindaco ora non esclude l’assegnazione attraverso un bando di pubblico interesse rivolto agli operatori sociali e alle associazioni.