16enne picchia madre e sorella, voleva soldi per smartphone

Aggredisce la madre che gli nega i soldi, scagliandosi poi contro la sorella intervenuta in difesa della donna. Quindi minaccia entrambe con un coltello. E’ accaduto a Gragnano dove i carabinieri della locale stazione hanno arrestato un ragazzo di 16 anni, incensurato, accusato di tentata estorsione. I militari dell’Arma sono intervenuti su richiesta della madre che ha chiamato il 112 per chiedere aiuto ed hanno arrestato il minore dopo che aveva colpito a calci e pugni la donna perche’ gli aveva negato i soldi; colpita a pugni anche alla sorella, intervenuta in difesa della madre, che ha rimediato un trauma cranico giudicato guaribile in tre giorni. Agli inquirenti hanno anche raccontato di essere state minacciate dal sedicenne con un coltello recuperato in cucina, arma che e’ stata poi sequestrata. Il giovane ha provato ad allontanarsi ma e’ stato rintracciato a pochi metri da casa. In sede di denuncia le due donne hanno dichiarato che le violente richieste di denaro si ripetevano da circa un anno ed erano finalizzate, hanno riferito i genitori dell’arrestato, all’acquisto di uno smartphone. Il giovane dopo le formalita’ di rito e’ stato portato nel centro di prima accoglienza per minori dei Colli Aminei. (ANSA)