M5S. La senatrice Angrisani al Consorzio di Bonifica: “Vigiliamo, servono più servizi”

Questa mattina la Senatrice del Movimento 5 stelle, Luisa Angrisani ha incontrato il Dott. Rosario D’Angelo, Commissario Straordinario del Consorzio di Bonifica Integrale del comprensorio del Sarno. Insieme ad Annalucia Grimaldi, portavoce comunale del M5S di Mercato San Severino, sono state sottoposte all’attenzione della dirigenza del Consorzio le varie criticità che numerosi cittadini ci hanno evidenziato. Le segnalazioni di mancato intervento riguardavano vari comuni come Scafati, Sarno, Roccapiemonte, San Marzano, Nocera, Angri, San Valentino e altri comuni dell’Agro Sarnese Nocerino e non solo. 

“Abbiamo evidenziato una non ottimale pulizia di canali come il contro-fosso destro che arreca disagi a Scafati in Via Nuova San Marzano. L’elenco dei canali segnalati riguardava anche il San Tommaso di Angri-Scafati, il Marna di Pompei, il canale San Mauro di San Marzano, il Rio Sguazzatorio, il canale Torello a Castel San Giorgio, la Cavaiola-Solofrana,  l’Alveo comune Nocerino, Fosso Imperatore di San Valentino Torio, San Marzano sul Sarno e Nocera inferiore – spiega la Senatrice Angrisani – Le nostra lamentele hanno riguardato soprattutto il mancato dragaggio degli alvei, perché una semplice scerbatura, quando viene fatta, non basta. Il Commissario ha cercato di spiegarci che i mezzi sono pochi e che il territorio è vasto, per non parlare delle risorse economiche che scarseggiano. Una nota positiva è stato apprendere che a breve sarà appaltato il lavoro di bonifica dell’intero corso dello storico Canale Bottaro. Un’opera di ingegneria idraulica risalente ad età borbonica che da Scafati arriva a Torre Annunziata e che versa nel degrado più totale. La nota più negativa è apprendere che alcuni enti gestori idrici hanno un grosso debito verso il Consorzio, soprattutto la Gori, a dire del Commissario D’Angelo, ha un debito di circa 20 milioni di euro. Verificheremo tutto in Regione perché è assurdo che la Gori, ben remunerata dai cittadini, non provveda a saldare quanto dovuto. Durante l’incontro abbiamo mostrato le nostre perplessità e rimostranze sull’aumento delle tariffe a fronte di un servizio non adeguatamente proporzionato ai costi. Come spesso accade ci è stato detto che le responsabilità, le inadempienze e i disservizi  sono frutto delle gestioni passate. Una parte dei maggiori introiti servirà per acquistare macchinari che miglioreranno il servizio”. 

La Senatrice Angrisani ha infatti chiesto immediate risposte sui temi evidenziati: “La dirigenza si è impegnata a dare risposte al più presto all’elenco delle segnalazioni da noi evidenziate. Restiamo dell’idea che sono troppi gli Enti che si occupano dell’intera rete fluviale ed idrica e che spesso sorgono difetti di competenza che alla fine, penalizzano solo i cittadini – conclude la Senatrice Angrisani – Chiederò ai miei colleghi in Regione di portare alcune proposte in merito al riordino della Legge sui Consorzi, che servano a snellire tutto questo apparato burocratico che in termini di servizi, non soddisfa nessuno. Resta alta l’attenzione da parte mia sull’operato del Consorzio e verificherò di persona che sia fatto quanto promesso questa mattina”.