Cava de’ Tirreni. Sbloccati tre progetti

La Soprintendenza di Salerno ha dato parere favorevole su tre progetti in corso di realizzazione: Casa Apicella, nuova piazza al posto dell’ex palestra Parisi e sul nuovo campetto previsto alla frazione Passiano.

A seguito della riprogrammazione del programma PIU Europa, l’Amministrazione Servalli ha ritenuto preminente l’attenzione nei confronti del tema della disabilità, della assistenza alle persone con disabilità e, in coerenza con le linee programmatiche, ha stabilito di destinare l’immobile di Casa Apicella, in fase finale di sistemazione, ad iniziative e progetti connessi alla problematica del “Dopo di Noi” con la trasformazione dello storico palazzo di via Aniello Salsano, in residenza per ricreare condizioni familiari a coloro che non hanno più l’assistenza dei familiari.

Via libera anche al progetto di riqualificazione urbana nel pieno centro della città. Dopo l’abbattimento della ex palestra Parisi, avvenuto lo scorso novembre, che per decenni era diventato un luogo di degrado, è stato redatto e finanziato un progetto per la realizzazione di una nuova piazza che diventerà un nuovo luogo di aggregazione e socializzazione, in un contesto di grande rilancio anche del turismo e della movida cittadina con l’apertura del complesso monumentale di San Giovanni, quale centro culturale, d’arte ed espositivo, in attesa dell’affidamento ai privati della gestione della foresteria e dell’area di ristorazione e delle unità del gusto.

Parere favorevole anche alla realizzazione di un campetto polivalente alla frazione Passiano in via Aniello Ferrigno. Una iniziativa curata dal consigliere comunale, Luca Narbone, nata dalla volontà del calciatore Massimo Coda, di donare alla sua Passiano, un luogo dove praticare sport a costo zero per l’Amministrazione che ha messo a disposizione il suolo necessario.

“Con questi pareri – afferma il Sindaco Servalli – facciamo grandi passi avanti per la realizzazione di tre opere importanti per la Città e proseguiamo senza sosta nel cambiamento che avevamo promesso e che solo chi nega l’evidenza si ostina a non vedere. Destinare Casa Apicella a residenza assistita per il “Dopo di Noi” era un impegno che abbiamo fortemente perseguito, così come l’opera di riqualificare i luoghi di degrado come quello della palestra Parisi e poi grazie a Massimo Coda, un nuovo campetto per i nostri giovani, sono tutte opere che migliorano la qualità della vita della nostra comunità”.