Terzigno. Prevenzione incendi e primo soccorso, il bilancio dell’associazione N.O.V.A.

Volontari in azione contro i roghi tossici: a Terzigno, nel mese di Agosto, i componenti del N.O.V.A. (Nucleo Operativo Vigilanza Ambientale) hanno svolto interventi su oltre 50 microincendi – di fogliame ma anche di rifiuti, spenti e bonificati – e segnalato agli organi preposti una discarica abusiva.

Interventi anche nel cuore del Parco Nazionale del Vesuvio, dove le cattive pratiche dei proprietari terrieri sono dure a morire e occorre agire per sensibilizzare: a dispetto delle ordinanze sindacali, infatti, sono ancora troppi quelli che accendono “fuochi di pulizia”, pericolosi per la salute umana e per le conseguenze che potrebbero avere nello sviluppo di incendi più vasti.

L’azione delle forze dell’ordine su un territorio assai problematico come quello terzignese è stata dunque coadiuvata da un’associazione nata da poco ma già attiva nel contrasto agli ecoreati.

Attività svolta anche sui social: la pagina facebook del N.O.V.A. è divenuta un punto di riferimento per le segnalazioni e ancora oggi, a prestazione d’opera ultimata, viene utilizzata dai cittadini per le comunicazioni.

Sempre ad Agosto, inoltre, l’associazione ha tenuto in Via Salvatore Emblema, principale porta di accesso cittadina al Parco e luogo di ritrovo per appassionati della natura e sportivi, un presidio antincendio e di primo soccorso (nove dei suoi volontari sono abilitati all’utilizzo del defibrillatore e delle manovre di disostruzione per infanti e adulti).

Un bilancio positivo quello tracciato dal N.O.V.A. in un mese critico per la prevenzione degli incendi, raggiunto anche grazie al sostegno dell’amministrazione comunale di Terzigno, delle forze dell’ordine e del presidio dei Vigili del Fuoco presso la discarica Cava Sari, con cui è nata una collaborazione.

In molti casi, si è notato, la semplice presenza umana ha costituito un deterrente: la vigilanza ambientale si è rivelata dunque molto utile per la salvaguardia dell’ambiente, per questo la speranza del N.O.V.A. è che il proprio operato venga ulteriormente supportato dalle istituzioni.