Carabinieri Noe in cimiteri, rifiuti tra resti umani

Gettavano negli ossari, senza alcun rispetto per i defunti, ogni tipo di rifiuto. E’ la macabra scoperta dei carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico (Noe) di Torino, che hanno denunciato il titolare di una cooperativa di servizi cimiteriali, sanzionandolo per circa 40 mila euro e imponendogli la bonifica – gia’ effettuata – degli ossari.

I controlli sono scattati nell’ambito dell’indagine sulle presunte truffe nelle esumazioni e sui furti degli effetti personali dei defunti nei cimiteri torinesi. Sono tre, in particolare, i cimiteri in cui i militari del Noe hanno scoperto le irregolarita’.

Negli ossari finivano i rifiuti dell’apertura delle bare, come sacchi di plastica, resti di legno e materiale ferroso. Tutto mescolato tra le ossa e, in alcuni casi, con resti umani non ancora decomposti. Gli effetti personali dei defunti, anziche’ essere restituiti ai famigliari, venivano a loro volta gettati, quelli di valore suddivisi tra gli operatori. (ANSA).