Angri. E’ mistero fitto sulle dimissioni della segretaria Pucci

Il sindaco non avendo valide argomentazioni per rimuovere Pucci starebbe aspettando sul suo tavolo l’estrema decisione della dirigente

Tensione tra Ferraioli e Pucci

Mistero fitto sulle dimissioni della segretaria generale Paola Pucci. Glissa il primo cittadino Cosimo Ferraioli. Restano muti i telefoni dei principali protagonisti di questa appassionante e turbolenta “soap” di fine anno.

Le motivazioni che avrebbero indotto il primo cittadino a chiedere le dimissioni della segretaria generale indicherebbero una precisa chiave di lettura: quella politica, tanto che proprio il sindaco non avendo valide argomentazioni per rimuovere Pucci starebbe aspettando sul suo tavolo l’estrema decisione della dirigente.

Clima velenoso nei piani alti del comune dove proprio Ferraioli avrebbe registrato seri problemi di tenuta dovuti alla sua litigiosa e sempre più sottile maggioranza e al turbato rapporto tra gli stessi assessori delegati, ormai apertamente in dissidio tra loro. Sembrerebbe certo che a chiedere la testa della segretaria sarebbero stati proprio alcuni elementi della maggioranza e Ferraioli come al solito resta incudine.