Angri. Marciapiedi ostruiti dai rifiuti, a rischio l’incolumità dei pedoni

Le strade sono piene di rifiuti sparsi un po’ ovunque e a farne le spese spesso sono i pedoni, che rischiano la propria incolumità per aggirare i cumuli

Angri rifiuti emergenza

Si vive male e senza norme comportamentali l’emergenza rifiuti che sta colpendo la Regione Campania. Incuria e scarso senso civico aggravano il disagio peggiorando anche la qualità della vita dei cittadini. La città di Angri sempre all’avanguardia per la raccolta differenziata attuata la prima volta nel dicembre del 2001 ora rischia di perdere colpi dopo tanti rilanci mirati alla sensibilizzazione della differenziazione.

Camminando per le strade ci sono rifiuti ammucchiati un po’ ovunque e a farne le spese spesso sono i pedoni, costretti a rischiare la propria incolumità per aggirare i cumuli che ostacolano il normale passo sui marciapiedi. Un caso eclatante viene segnalato in Via Nazionale a ridosso di una nota azienda agro alimentare.

Il marciapiede, già molto stretto, è completamente ostruito da sacchetti e rifiuti ingombranti che impediscono il passaggio pedonale; a questi si sommano le auto in sosta che intralciano vie di fuga alternative costringendo i passanti a pericolose deviazioni ai bordi della Strada Statale, un tratto, per altro, ritenuto anche pericoloso per lo scorrimento veloce dei veicoli in transito.

Insomma non c’è solo emergenza igienico – sanitaria ma anche quella relativa alla sicurezza della pubblica incolumità e come se non bastasse spesso i marciapiedi diventano veri e propri bazar appendici di esercizi commerciali.