Angri. Piano di Zona, il comune boccia la società consortile

Il mancato avvio della società consortile potrebbe paralizzare anche le attività dell’ufficio di Piano in viale Michelangelo ad Angri

Piano di Zona ambito s1 02

Si potrebbe sgretolare ancor prima di entrare in esercizio la società consortile Piano di Zona Ente d’Ambito S01_02. I comuni di Scafati, Angri, Sant’Egidio del Monte Albino e Corbara potrebbero restare senza servizi dal 1 marzo prossimo dopo le riserve avanzate circa la designazione del comune capofila individuato in quello di Corbara per il nuovo soggetto consortile.

La ripartizione dei fondi al 25% per quattro, e non in proporzione alla densità abitativa dei comuni attori, non convincerebbe Angri che avrebbe avanzato riserve a portare la proposta in consiglio comunale. Il mancato avvio della società consortile potrebbe paralizzare anche le attività dell’ufficio di Piano in viale Michelangelo ad Angri e mettere in discussione il lavoro delle figure professionali impegnate a portare avanti gli uffici e i servizi. Si bloccherebbero, infatti, anche tutti i servizi connessi per i quattro comuni, ma pare che Corbara garantirebbe con le sue coperture finanziarie i servizi, in house, per la sua comunità.