Palma Campania. Incentivi solo alle attività commerciali italiane

Tra i requisiti di accesso: insegne in italiano, conoscenza della lingua nazionale, per gli alimentari vendita di prodotti la cui provenienza sia riconducibile al territorio regionale

Comune di Palma Campania
Comune di Palma Campania

Attività commerciali che abbiano una chiara identità nazionale. A Palma Campania, il Comune napoletano delibera un piano di incentivi per l’apertura di nuovi negozi nel centro storico. Tra i requisiti di accesso: insegne in italiano, conoscenza della lingua nazionale, per gli alimentari vendita di prodotti la cui provenienza sia riconducibile al territorio regionale.

Nella città palmese, circa 15mila abitanti, intensa la presenza degli immigrati che sono oltre 3500, in maggioranza provenienti dal Bangladesh. Una convivenza con gli autoctoni diventata complicata, e dove hanno fatto scalpore nel recente passato iniziative come l’opuscolo sulle norme di igiene personale diffuso in lingua bengalese. Il sindaco Nello Donnarumma, intervistato da Il Mattino, respinge qualsiasi accusa di razzismo.

“Vogliamo riqualificare il centro storico, valorizzarlo con esercizi di qualità che puntino sulle eccellenze del territorio. Nessuna discriminazione verso gli immigrati, chi rispetta le regole non avrà alcun problema. Non vedo cosa ci sia di male a chiedere che chi gestisce un negozio parli italiano e esponga insegne in italiano”. Il ‘Sindacato autonomo stranieri’, che a Palma Campania rappresenta un gran numero di bengalesi, annuncia battaglie e ricorsi contro la decisione.

Fonte: La Repubblica