Scafati. L’Acse sarebbe pronta a rilevare il servizio riscossione

Daniele Meriani già qualche anno fa riuscì a modificare lo statuto della partecipata da lui guidata, inserendo anche la gestione dei tributi tra le diverse attività svolte dalla società

Daniele Meriani
Daniele Meriani

L’Acse sarebbe pronta a rilevare il servizio riscossione, attualmente gestito dalla Geset di Cercola. Secondo quanto riporta Metropolis l’obiettivo sarebbe quello di tagliare una importante spesa dal bilancio comunale e introitare una maggiore liquidità nelle casse comunali. Fitti i contatti tra l’amministratore unico Daniele Meriani e la commissione straordinaria e i tecnici competenti di palazzo Meyer per vagliare il tipo di gestione tributaria futuro.

Due sarebbero state le opzioni, secondo quanto scrive Adriano Falanga su Metropolis: la gestione interna, tramite l’ufficio tributi o quella esterna, tramite l’affido del servizio alla partecipata Acse. Strutturare un ufficio tributi necessita di assunzioni di personale cosa improbabile al momento visto che l’Ente é vincolato al piano di contenimento della spesa per il rientro dal disavanzo di 33 milioni di euro del 2016. Quindi i commissari avrebbero chiesto, e ottenuto, all’Acse, un piano industriale con il dettaglio del servizio che andrà eventualmente a espletare.

Daniele Meriani già qualche anno fa riuscì a modificare lo statuto della partecipata da lui guidata, inserendo anche la gestione dei tributi tra le diverse attività svolte dalla società. Il piano redatto da Meriani prevedrebbe l’assunzione di 10 dipendenti, ovviamente qualificati, e una convenzione annuale di circa 500 mila euro oltre incentivi di risultato, senza percentuali sugli incassi. A fronte dei circa 2 milioni di euro pagati oggi alla Geset.