Nel napoletano sequestrati 11 tonnellate di sigarette

È stato "uno dei piu' ingenti sequestri, 11 tonnellate di sigarette di contrabbando, mai effettuato nella provincia napoletana all'interno di un tir"

Guardia di Finanza
Guardia di Finanza

È stato “uno dei piu’ ingenti sequestri, 11 tonnellate di sigarette di contrabbando, mai effettuato nella provincia napoletana all’interno di un tir”. Cosi’ la compagnia di Giugliano in Campania della guardia di finanza al termine dell’operazione che ha portato a Casoria, nel napoletano, al sequestro delle “bionde” e del tir che le trasportava e all’arresto dei due autisti, entrambi cittadini serbi.

L’operazione e’ scaturita dal pedinamento del tir con targa serba fino ad una societa’ di logistica di Casoria, specializzata nella conservazione di generi alimentari. I militari insospettiti dalla circostanza e dalle dichiarazioni degli autisti che sostenevano di dover scaricare il contenuto del mezzo, gomme da masticare, ma senza disporre di un documento di accompagnamento, decidevano di eseguire un controllo, accertando che all’interno del tir vi erano stipate circa 11 tonnellate di sigarette di contrabbando, della marca “Black Mount” provenienti dalla Macedonia.

Le “Black Mount” rientrano nelle cosiddette “cheap whites”, la nuova frontiera del contrabbando di tabacchi. Tadizionalmente, infatti, il commercio illegale di tabacco e’ stato dominato dalla contraffazione, mentre le “cheap whites” rappresentano una tendenza emergente: queste sigarette sono prodotte legalmente per poi essere immesse sul mercato nero. Questo business arriva a rappresentare quasi il 35% del mercato dell’Unione Europea.

Com/Gup/Dire