Pompei: dagli Scavi emerge una ‘tavola calda’ affrescata

I pompeiani pranzavano prevalentemente fuori casa e dalla citta' che fu sepolta dall'eruzione del Vesuvio nel 79 dopo Cristo emergono nuove testimonianze sulla vita dell'epoca

Pompei. Gli scavi
Pompei. Gli scavi

Olive, formaggi, vino, ma anche carni calde e pesce preparato al momento. I pompeiani pranzavano prevalentemente fuori casa e dalla citta’ che fu sepolta dall’eruzione del Vesuvio nel 79 dopo Cristo emergono nuove testimonianze sulla vita dell’epoca, che si svolgeva molto nelle strade. Un “termopolio”, cioe’ una vera e propria “tavola calda”, recentemente affiorato dagli scavi della Regio V, ha regalato emozioni anche alla direttrice ad interim del Parco Archeologico, Alfonsina Russo. “Per quanto strutture come queste siano ben note nel panorama pompeiano – ha commentato l’archeologa – il rinnovarsi della loro scoperta, anche con gli oggetti che accompagnavano l’attivita’ commerciale, e dunque la vita di tutti i giorni, continua a trasmettere emozioni intense che ci riportano a quegli istanti tragici dell’eruzione, che pure ci hanno consegnato testimonianze uniche della civilta’ romana”.

Nel “termopolio” sono state trovate anche le “dolia” (giare) incassate nel bancone di mescita in muratura, che erano molto diffusi nel mondo romano. Nella Regio V e’ aperto un cantiere di messa in sicurezza e consolidamento del Grande Progetto Pompei, che sta interessando gli oltre tre chilometri di perimetro dell’area non scavata del sito.

Il “termopolio” e’ emerso nello slargo che fa da incrocio tra il vicolo delle Nozze d’argento ed il vicolo dei Balconi e, seppure ancora non del tutto portato alla luce, offre uno spettacolo di rara bellezza: le decorazioni del bancone raffigurano su un lato una bella Nereide a cavallo in ambiente marino e, sull’altro, molto probabilmente l’illustrazione dell’attivita’ stessa che si svolgeva nella bottega, quasi come un’insegna commerciale. Alcune anfore poste davanti al bancone, ritrovate al momento dello scavo, riflettevano infatti esattamente l’immagine dipinta. Sono una ottantina i “termopoli” disseminati nell’antica Pompei. L’ultimo ritrovato ha un suo fascino speciale proprio per gli affreschi che ha rivelato.

ANSA