Via ai corsi di formazione per l’emergenza sanitaria in Campania

Ambulanza 118
Ambulanza 118

Sono stati pubblicati sul Bollettino Ufficiale della Regione Campania numero 13 dell’11 marzo, gli indirizzi relativi al programma delle attività formative e delle procedure organizzative per il corretto svolgimento dei corsi di formazione per l’idoneità all’esercizio dell’attività medica di emergenza territoriale 118.

Il Coordinamento degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della regione Campania, che fa capo al Presidente dell’Ordine di Salerno Giovanni D’Angelo, si augura che i corsi vengano attivati nel più breve tempo possibile dalle Asl.

“E’ necessario – ha detto D’Angelo – far partire i corsi immediatamente, vista la grave carenza di medici addetti all’emergenza, che è un settore fondamentale del Sistema Sanitario Nazionale, quello che esprime meglio il senso dell’arte medica e che invece è da anni fortemente in tensione. La carenza di medici paradossalmente porta a una rinuncia ad operare in questo settore, per i turni massacranti, il rischio di subire violenza e l’esposizione alle denunce penali e civili. Blindare questo settore significherà lavoro per i giovani e salute per i malati”.

Ha espresso soddisfazione per lo sblocco dei corsi, la responsabile dello Sportello Giovani dell’Ordine Titti D’Ambrosio: “I giovani medici sono affascinati dall’emergenza, che è una necessità del territorio, oltre che un’opportunità di lavoro. Fino a oggi e da vent’anni circa, era necessario frequentare questo corso fuori regione e la grande richiesta ci ha permesso di portare avanti un gran lavoro di squadra con tutti gli Ordini della Campania”.

“Il Coordinamento degli Ordini – ha concluso il presidente D’Angelo – attende ora con ansia la realizzazione delle altre proposte avanzate al Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, relativamente alla sicurezza dei posti di lavoro nella continuità assistenziale, al riordinamento in atto delle liste d’ingresso nella medicina generale e alla firma del protocollo d’intesa tra la Regione e lo stesso Coordinamento, stabilito in un incontro nella sede dell’Ordine di Salerno il 4 gennaio scorso”.