Scafati. Notte di terrore a Bagni. Arancia meccanica in azione

Un uomo è stato legato con fascette di plastica, e picchiato davanti ai figli. Notte di terrore in frazione Bagni di Scafati

Scafati località Bagni
Scafati località Bagni

Non si vive più a Scafati. Clamore e preoccupazione a frazione Bagni per l’ultimo grave episodio di violenza a seguito di un furto notturno. Un uomo è stato legato con fascette di plastica, e picchiato davanti ai figli. Dopo la notte di terrore, la famiglia vittima dell’ennesimo raid notturno di ladri in via Dante Alighieri sceglie il silenzio.

Una famiglia sotto choc, ed è comprensibile, per i particolari agghiaccianti che emergono dal racconto dei testimoni, come riporta Falanga su Metropolis. A entrare in casa sarebbero stati in quattro, armati e a volto coperto. Una villetta che da sulla strada nei pressi del santuario di Bagni. I ladri si sarebbero introdotti da una finestra posteriore, che affaccia su via Salice. Pochi attimi e i quattro svegliano gli occupanti, e li legano adoperando anche fascette di plastica. In casa un uomo con i due figli poco più che adolescenti.

La moglie, infermiera, è al lavoro. Lui è un insegnante in pensione. Secondo quanto riporta il quotidiano i ladri avrebbero alzato le mani sul capofamiglia, uno schiaffo. Avrebbero fatto anche minacce alla figlia 22enne se non venisse rivelato la collocazione della cassaforte. Pare che dalle testimonianze i ladri avrebbero sbagliato obiettivo. Aumentano rabbia e paura tra i residenti, sempre più frequenti le rapine negli ultimi mesi, decine di furti andati a segno ed altrettanti falliti.

Qualche fermo dei carabinieri, ma la zona resta terra di conquista per i ladri in trasferta, soprattutto dall’hinterland napoletano. Sotto accusa, oltre alla mancanza di controlli notturni, la vicinanza con lo svincolo della statale 268. Frazione Bagni trascorre molte notti insonni, ogni rumore sospetto diventa motivo di allarme. Gli abitanti si sostengono reciprocamente, e non passa giorno che la locale tenenza non viene allertata da segnalazioni e denunce. La prossima amministrazione comunale dovrà seriamente provvedere anche a questa istruzione di estrema urgenza.