Al via ad Angri la rassegna culturale “Il Castello Letterario”

Cinque appuntamenti, cinque serate dove la Cultura prenderà vita nelle sale del castello, attraverso libri ed autori

Angri - Il Castello Letterario
Angri - Il Castello Letterario

Cinque appuntamenti, cinque serate dove la Cultura prenderà vita nelle sale del castello, attraverso libri ed autori. Il sindaco Cosimo Ferraioli, l’assessore alla Cultura Giuseppe D’Ambrosio e l’assessore ai Grandi Eventi Francesco Ferraioli, presentano la rassegna “Il Castello Letterario” che è stata articolata in cinque appuntamenti (4-26 aprile – 17 e 23 maggio – 3 giugno) che si svolgeranno nel Salone degli Affreschi di Castello Doria alle ore 19. La referente letteraria della rassegna è la professoressa Giovanna Ferraioli che si è avvalsa della collaborazione del Circolo Culturale Passepartout di Nola. Questa sera alle ore 19, serata di inaugurazione con la presentazione del libro “Vorrei che fosse già domani” di Miriam Candurro e Massimo Cacciapuoti.

“Il Castello continua ad essere la nostra Casa della Cultura, accogliendo eventi di qualità. Una volontà amministrativa che riserva spazio ai libri e ai suoi autori, animando confronti e stimolando alla lettura in una città che da due anni si fregia del titolo di “Città che Legge”, riconoscimento ottenuto per la prima volta nel 2017 e conferito dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali. La rassegna è stata fortemente voluta dalla nostra amministrazione ed è stata organizzata principalmente per coinvolgere i giovani, stimolandoli a leggere, a confrontarsi, a riappropriarsi di una cultura che li vuole protagonisti del nostro futuro” dichiara il sinaco Cosimo Ferraioli.

“Proponiamo una rassegna letteraria di qualità che porterà in città autori di buon livello, che saranno presentati nella bellezza del Castello Doria. Cinque appuntamenti accumunati da libri e autori, da un confronto aperto intervallato da recitazione, canto e ballo. Ringrazio la professoressa Giovanna Ferraioli per l’impegno profuso nell’organizzare nei dettagli l’intera manifestazione, che vuole essere un invito alla lettura, un invito a frequentare librerie, un invito a ritornare vivere in un mondo di rapporti e di confronti reali e non virtuali, rimettendo la cultura di nuovo al centro degli interessi degli uomini” aggiunge Francesco Ferraioli – Assessore ai Grandi Eventi.