Angri. Manca il personale, il Comune è al collasso. L’ira di Milo

L'ente è ormai al collasso in ogni settore tanto da non riuscire effettivamente a far fronte nemmeno all’ordinaria amministrazione

Alberto Milo
Alberto Milo

Archiviato il consiglio comunale resta aperta la spinosa questione relativa alla penuria del personale. Una pianta organica decimata quella dell’ente comunale. Un ente ormai al collasso in ogni settore tanto da non riuscire effettivamente a far fronte nemmeno all’ordinaria amministrazione.

In attesa del Piano Lavoro, questo maxi concorso bandito dalla Regione Campania, resta da affrontare l’emergenza. Situazione aggravata da una lettera del responsabile UOC, l’Ufficio Promozione Servizi Sociali Scolastici e del Personale, che ha comunicato a tutti gli interessati, anche la sospensione dell’utilizzazione dei progetti di attività di pubblica utilità, i famosi APU al comune di Angri.Sarà difficile arrivare a una soluzione tanto che la questione legata alla pianta organica sta già diventando un caso politico.

“Dietro all’acronimo LSU ci sono dei cittadini con tutti i loro disagi, le loro preoccupazioni e certamente non meritano di essere trattati senza alcun rispetto. Questo è un fatto intollerabile. È assurdo – dice Alberto Milo consigliere comunale di opposizione dei Popolari Angresi – che per rivendicare i loro diritti sono costretti a protestare continuamente. Queste cose in un paese civile non dovrebbero assolutamente. E’ assurda la risposta del primo cittadino Ferraioli che, anziché risolvere il problema degli APU, li manda addirittura a casa”.