Napoli, sequestrati beni per 1,5 mln a società del commercio di carbone

Dall'inchiesta è risultato che, in un triennio, la società a responsabilità limitata avesse omesso di versare all'Erario un'imposta pari a oltre 26 milioni di euro

Guardia di Finanza
Guardia di Finanza in azione

I militari della guardia di finanza di Torre Annunziata hanno sequestrato denaro, quote societarie e immobili a una società, con sede a Gragnano del settore del commercio all’ingrosso di carbone, e al suo rappresentante legale, per omessa dichiarazione di redditi.

Il sequestro, deciso dal gip di Torre Annunziata su richiesta della procura, è stato eseguito dalla compagnia di Castellammare di Stabia ed è seguito a un’attività d’indagine originata da una verifica fiscale. Dall’inchiesta è risultato che, in un triennio, la società a responsabilità limitata avesse omesso di versare all’Erario un’imposta pari a oltre 26 milioni di euro, non presentando le dichiarazioni dei redditi per diverse annualità.

In questo modo, sottolinea la guardia di finanza di Napoli, la società aveva ottenuto una posizione dominante nel suo settore commerciale che le ha consentito di applicare prezzi di vendita particolarmente concorrenziali. In tutto sono state sequestrate le somme di denaro giacenti su 5 conti correnti, 2 quote di partecipazione in società, 14 immobili e 1 terreno per un valore complessivo di oltre 1,5 milioni di euro.