Angri. Ordinanza anti smog nocerina. Si ricorre al Prefetto

Ferraioli: "mi sono rivolto al Prefetto, quale interlocutore istituzionale, e agisco per la tutela dei miei concittadini, indipendentemente dal fatto che abbiamo o meno centraline attive per il rilevamento dell’inquinamento"

Torquato Ferraioli
Torquato Ferraioli

Il comune di Angri “è stato assente alle conferenze dei servizi” così il sindaco Manlio Torquato sulla vicenda del piano antismog che ha, difatti bloccato, con un’ordinanza contro i mezzi pesanti lo svincolo del tratto nocerino dell’autostrada. Torquato ribadisce la correttezza della sua ordinanza supportata dai rilievi delle centraline per il monitoraggio dell’inquinamento assenti invece ad Angri. Torquato resta perplesso sul fatto che il sindaco di Angri, su sua richiesta, abbia ricevuto rassicurazioni del gestore della rete autostradale sul mancato posizionamento dei cartelli. Il sindaco di Nocera ritiene il comportamento di Ferraioli abbastanza grave e bacchetta la società concessionaria del tratto autostradale che “elude l’ordinanza”.

Il primo cittadino Ferraioli risponde al suo omologo nocerino: “Apprendo dalla voce del sindaco di Nocera Inferiore, che è sufficiente non partecipare a una conferenza di servizio, che peraltro mi sembra di aver capito non particolarmente affollata, sebbene la questione dell’inquinamento interessi tutto l’Agro nocerino, per essere estromessi da ogni ragionamento e sottoposti alle scelte che derivano da decisioni assunte per il proprio territorio. Non mi risulta sia pervenuto il verbale di chiusura della conferenza dei servizi al comune di Angri. Tanto premesso, io non devo partecipare a una “guerra dei poveri” e non mi permetto di discutere un’ordinanza emessa da un collega. Pertanto, mi sono rivolto al Prefetto, quale interlocutore istituzionale, e agisco per la tutela dei miei concittadini, indipendentemente dal fatto che abbiamo o meno centraline attive per il rilevamento dell’inquinamento, sul nostro territorio comunale.

Non è un dato che devo divulgare al sindaco di Nocera Inferiore, quando avremo i dati li pubblicheremo. Noi difenderemo in tutti i luoghi e in tutti i modi, gli interessi della nostra collettività”. Ferraioli alza il disco rosso anche sul carico dei mezzi pesanti diretti da Nocera Inferiore, banditi sul proprio territorio. Il sindaco dice di essere pronto a muoversi di conseguenza. “Non è una minaccia quella di chiudere i caselli di Angri nord e di Angri sud ai mezzi pesanti, ma una valutazione oggettiva affinché il livello del dibattito approdi in Prefettura dove devono essere discussi i problemi del territorio” conclude Ferraioli.
Luciano Verdoliva