Angri Scafati. Il Cavalcavia via Salice resta al buio

La pubblica illuminazione nel tratto della strada di confine tra Angri e Scafati è già fuori uso. Il tratto completamente al buio è pericoloso

Angri - Scafati. Cavalcavia Via Salice al buio
Angri - Scafati. Cavalcavia Via Salice al buio

La precarietà della nuova strada di collegamento del cavalcavia di Via Salice era stata denunciata solo qualche giorno fa. Il manto di asfalto già presenta, infatti, una vistosa falla sulla sede stradale all’altezza dell’incrocio tra il ponte e la stessa via Salice. Una nuova segnalazione denunciata la pericolosità del tratto. La pubblica illuminazione nel tratto della strada di confine tra Angri e Scafati è già fuori uso. Il tratto completamente al buio è subito diventato oggetto di nuove polemiche circa la sicurezza dello snodo aperto al traffico veicolare appena un mese fa con il taglio del nastro alla presenza del sindaco di Angri e i commissari prefettizi di Scafati.

Entrambi i comuni, sul tratto di loro competenza territoriale avrebbero dovuto verificare la perfetta praticabilità della strada realizzata da RFI nell’ambito della soppressione dei passaggi a livello lungo la tratta metropolitana ferroviaria, tra Napoli e Salerno. La strada, in queste poche settimane di esercizio, è stata già teatro di alcuni sinistri stradali, come riportano le cronache locali, e che fortunatamente non hanno avuto serie ripercussioni su persone e mezzi accendendo immediatamente la spia della sicurezza lungo il tratto del Cavalcavia. Gli abitanti hanno già manifestato le loro riserve con una protesta durante il taglio del nastro, soprattutto lungo il versante angrese di Via Salice dove non ci sono marciapiedi e dissuasori di velocità.

A complicare il flusso veicolare ora anche i “problemi di gioventù” che si sono manifestati subito dopo l’apertura del tratto ai veicoli e ai pedoni. Proprio i pedoni hanno richiamato l’attenzione anche su un altro problema connesso alla praticabilità del nuovo cavalcavia. Il vecchio passaggio a livello di Via Salce è stato completamente interdetto anche ai pedoni costretti a un giro chilometrico per raggiungere l’altro versante della strada separato, appunto dai binari delle ferrovie. Un disagio che si accentua in questi giorni in occasione della Festa dedicata alla Madonna dei Bagni, quando un consistente flusso di pellegrini raggiungerà, in cammino da tutto l’agro, il santuario della Vergine, molti saranno costretti a prolungare il percorso proprio per lo sbarramento del passaggio a livello. Saranno le amministrazioni di Angri e quella entrante di Scafati a doversi nuovamente interfacciare con i tecnici di RFI per tentare di porre rimedio e correggere le “imperfezioni” lungo la strada riscontrate dai residenti e dagli automobilisti.

Luciano Verdoliva