Ballottaggio Pagani. Chiarezza su premio di maggioranza. Ecco il futuro consiglio comunale

Nessuna maggioranza precostituita in consiglio comunale nonostante le liste a sostegno di Gambino abbiano raggiunto il 50,04%

Elezioni 2019. Comuni Voto
Elezioni 2019. Comuni Voto

Nessuna maggioranza precostituita in consiglio comunale nonostante le liste a sostegno di Gambino abbiano raggiunto il 50,04%. Il premio di maggioranza si assegna al primo turno alla coalizione che abbia raggiunto il 50% più 1 dei voti validamente espressi per i sindaci, e non per le liste.

Nel caso specifico, i voti validi espressi per tutti i candidati sindaco sono 20885. Per ottenere il premio di maggioranza, quindi, le liste collegate al consigliere regionale Alberico Gambino avrebbero dovuto raccogliere 10443 preferenze più 1. Le 7 liste a sostegno del consigliere regionale, invece, si sono fermate a 10174 voti. Per una maggioranza consiliare già al primo turno, quindi, mancano altri 270 voti. Tutto spiegato con il decreto legislativo numero 267 del 28 agosto del 2000. Pertanto, il vincitore del ballottaggio di domenica 9 giugno si ritroverà in aula consiliare con 15 consiglieri di maggioranza e 9 di opposizione.

In base alla vittoria di uno o dell’altro contendente, però, l’opposizione sarebbe diversa. Nel caso in cui il ballottaggio dovesse riaffermare la vittoria del consigliere regionale Alberico Gambino, siederebbero in maggioranza: Anna Rosa Sessa, Fabio Petrelli, Alfonso Picaro e Francesco Toscano per Direzione Pagani; Vincenzo D’Amato, Massimo D’Onofrio ed Enza Fezza per FdI; Nicola Campitiello e Pietro Pisacane per Forza Italia; Pietro Sessa e Vincenzo Violante per la Lega; Luisa Paolillo e Giosi Tortora per “Grande Pagani”; Gianfranco Maiorino per “Evviva Pagani” e Gianluca D’Antuono per “G20 – Azzurri”. All’opposizione, invece, con Salvatore Bottone ci sarebbero i due consiglieri dem Giusy Fiore e Davide Nitto, Salvatore Cascone di “Insieme per Pagani” e Rita Greco di “Apertamente”. Lello De Prisco, che ha già affermato di dimettersi alla prima seduta consiliare, entrerebbe in consiglio comunale con i neoeletti Gaetano Cesarano di “Viviamo Pagani” e Nello Palumbo della lista “De Prisco Sindaco”. Un posto all’opposizione anche per il Movimento 5 Stelle con Santino Desiderio.

I grillini, però, potrebbero non entrare in consiglio comunale se al secondo turno dovesse avere la meglio Salvatore Bottone. In tal caso, il sindaco uscente avrebbe in maggioranza: Giusy Fiore, Davide Nitto, Nello Califano e Santino Ruggiero per il Pd; Salvatore Cascone, Peppe Sorrentino e Carmela Scoppetta per “Insieme per Pagani”; per “Campania Libera” Assunta Terracina, Pasquale Sorrentino e Michele Bottone; per “Apertamente” Rita Greco, Salvatore Visconti e Francesco Ingenito; Raffaele La Femina e Lucio Fiore di “Noi con Voi”. L’opposizione, invece, vedrebbe 6 consiglieri assieme ad Alberico Gambino, ed in particolare Anna Rosa Sessa, Fabio Petrelli, Vincenzo D’Amato, Nicola Campitiello, Pietro Sessa e Luisa Paolillo. Lello De Prisco, invece, sarebbe accompagnato da Gaetano Cesarano.