Pagani. Gambino manca la vittoria al primo turno per una manciata di voti

Pagani. Gambino manca la vittoria al primo turno per una manciata di voti. La parola passerà al giudice del tribunale di Nocera Inferiore che deciderà se a Pagani ci sarà una vittoria al primo turno

Per 126 voti il consigliere regionale Alberico Gambino ha mancato la vittoria al primo turno. Circa mille schede dichiarate nulle, ma contestate dai rappresentanti di lista. Ora la parola passerà al giudice del tribunale di Nocera Inferiore che deciderà se a Pagani ci sarà una vittoria al primo turno di Gambino oppure un ballottaggio.

Il consigliere regionale, candidato sindaco per l’intero centro destra, è riuscito a raccogliere il 49,28% dei voti. Il sindaco uscente Salvatore Bottone, sostenuto dal Partito Democratico, da Campania Libera e da 3 liste civiche, è riuscito a raccogliere il 26% delle preferenze.

Raffaele Maria De Prisco si è fermato al 17%. “Accetto con serenità il verdetto delle urne, non mi affanno con la disamina del voto. Mi dispiace solo per i giovani che dovranno avere la forza di apprendere da questa esperienza e continuare. Come politico rassegnerò immediatamente le dimissioni alla prima seduta di consiglio comunale – ha affermato sui social Raffaele Maria De Prisco, candidato sindaco per 5 liste civiche che ha preferito rilasciare dichiarazioni solo a mezzo social – Non mi dimetto dalla politica, ma rinuncio volentieri alla poltrona. Amo Pagani a prescindere dai voti”.

Il Movimento 5 Stelle, con l’avvocato Desiderio si ferma a poco meno dell’8% delle preferenze.

Luna Ferraioli, unica donna candidata sindaco per la lista “La Sinistra” non va oltre l’ 1,2%.