Aziende, in Italia solo il 10% è “online”: ecco i dati di Netcomm

In Italia oltre il 90% della popolazione risulta connesso al web, il che fa immediatamente capire una cosa: oggi la rete è un “luogo” indispensabile

Internet concettuale
Internet concettuale

Aziende, in Italia solo il 10% è “online”: ecco i dati di Netcomm

In Italia oltre il 90% della popolazione risulta connesso al web, il che fa immediatamente capire una cosa: oggi la rete è un “luogo” indispensabile per molti cittadini della Penisola, perché è qui che ad esempio si comunica o si fa shopping. Proprio le abitudini d’acquisto online dovrebbero, nella teoria, spingere le aziende italiane verso la presenza sul web e la creazione di un proprio e-commerce: purtroppo, stando ai dati di settore, pare proprio che non sia così. Nella Penisola, quindi, per quanto riguarda l’economia e in particolare le aziende, la rivoluzione digitale procede a rilento, al punto che solo il 10% delle imprese tricolori ha scelto di lanciare un proprio e-shop sul web.

In Italia solo il 10% delle imprese vende su Internet

La rete propone un mondo di opportunità di business per le imprese, eppure solo in poche oggi lo hanno capito. Secondo i dati diffusi durante l’ultima edizione del Netcomm Forum di Milano, soltanto un’azienda italiana su 10 presenta un proprio e-commerce online. E si tratta di un’occasione mancata per molte imprese, perché la rete oggi diventa il canale numero 1 per gli acquisti, al punto che si arriverà ad un valore superiore ai 31,5 miliardi di euro nel 2019 (con un incremento del +15%).

Se si parla di vendite online di prodotti, poi, le percentuali arrivano addirittura al +21% (18,2 miliardi di euro). Quindi, se da un lato l’e-commerce possiede delle potenzialità innegabili, dall’altro queste potenzialità – almeno in Italia – risultano in gran parte ancora inesplorate. Il problema sta nel fatto che molte imprese dello Stivale, ad oggi, non sono ancora riuscite a dotarsi delle competenze digitali necessarie per operare nel comparto delle vendite online. Si tratta, dunque, di vere carenze tecnologiche.

L’importanza della presenza online e degli e-shop

In base a quanto detto, le aziende italiane dovrebbero fare di tutto per essere connesse, e in questo senso il primo passo è sicuramente quello di dotarsi di un accesso stabile al web. A tal proposito, si possono consultare le offerte ADSL per partita iva messe a disposizione ad esempio da Linkem: anche gli operatori si sono resi conto di quanto sia fondamentale questo aspetto per le aziende, dunque presentano delle opzioni tagliate su misura per loro.

I vantaggi dell’e-commerce confermano l’importanza del digitale: questi shop elettronici non chiudono mai le saracinesche, vendono 24 ore su 24, e costano decisamente di meno rispetto ad un punto vendita fisico. Si risparmia sull’affitto e sugli stipendi del personale, e si acquisisce anche una maggiore visibilità presso il proprio pubblico di riferimento. Il digitale consente poi di pianificare nuove strategie di business legate all’e-commerce, come il remarketing. In sostanza, le aziende italiane dovrebbero quanto prima rimettersi in pari, lanciando i propri shop online e godendo dei loro vantaggi.