Pagani. Stasera al multisala in scena il primo consiglio comunale

Gambino, pochi minuti dopo la sua elezione alla guida di Palazzo San Carlo fece promessa che: “Il primo consiglio comunale sarebbe stato aperto a tutti"

Pagani consiglio comunale
Pagani consiglio comunale

Da film il primo consiglio comunale della terza legislatura targata Gambino. L’assise in prima convocazione questa sera si terrà al cinema multisala cittadino. Alberico Gambino aveva subito fatto promessa ai suoi elettori, pochi minuti dopo la sua elezione alla guida di Palazzo San Carlo che “Il primo consiglio comunale sarebbe stato aperto a tutti, in piazza” scrive “Il Mattino”. Non sarà una piazza a ospitare la convocazione del primo consiglio comunale ma un una sala cinematografica, una location comunque inusuale. La comunità paganese oggi resta sospesa tra la volontà popolare, che ha fortemente voluto la rielezione di Alberico Gambino, e il rispetto delle norme, come sancito prima dalla Corte di Cassazione, con la sentenza numero 15725 del 16 maggio scorso, e poi dal dispositivo del Ministero dell’Interno arrivato giovedì 27 giugno a Palazzo San Carlo tramite la Prefettura di Salerno. Argomento che sicuramente sarà al centro del consiglio comunale che si terrà stasera.

Particolare attenzione, infatti, sarà riservata alla decisione dell’assise sulla questione dell’incandidabilità di Alberico Gambino. La maggioranza, tenendo conto del dispositivo del Ministero dell’Interno che giovedì mattina la Prefettura di Salerno ha inviato al segretario generale dell’ente paganese, dovrebbe prendere atto del dispositivo ministeriale e, eventualmente, votare contro se stessa e il sindaco Gambino. La maggioranza sembra però orientata e decisa nel suo percorso, andare avanti nonostante il dispositivo ministeriale in cui si dichiara decaduto il sindaco e nulli gli atti di nomina degli assessori. Un atto politico, qualora dovesse arrivare il probabile provvedimento di decadenza e con esso il decreto di scioglimento del consiglio comunale, potrebbe portare anche a diversi procedimenti della Procura della Corte dei Conti nei confronti di coloro che voteranno a favore dell’insediamento di Gambino, riporta “Il Mattino” dalle sue colonne. A votare contro, invece, saranno sicuramente le opposizioni.

Si prevede una discussione molto accesa in aula. Dibattito condizionato e alimentato anche dalla presenza dei cittadini, curiosi di vedere i volti dei nuovi consiglieri comunali ma soprattutto pronti ad ascoltare le parole del primo cittadino sulla sua posizione. L’ordine del giorno prevede oltre che la convalida degli eletti, il giuramento del sindaco, la comunicazione della giunta, l’elezione del presidente del consiglio comunale, la nomina della commissione elettorale, l’approvazione della “Pace fiscale”. Tutto sub judice.