Angri. Maggioranza a casa? Bocciato nuovamente il rendiconto

Alle porte ora si potrebbe preconfigurare lo scioglimento del consiglio comunale dopo che la Prefettura di Salerno avrà accertato la validità della seduta non più rinviabile

Angri. Consiglio Comunale
Angri. Consiglio Comunale

Non ci sono i numeri e giallo sulla surroga del consigliere Pauciulo. Su queste due motivi si è consumato perla terza volta, seconda consecutiva, il consiglio comunale senza la maggioranza. Ai loro posti i dodici consiglieri comunali della minoranza in aula questo pomeriggio alla conta. Diverse interpretazioni dello statuto e leggi varie hanno comunque permesso ai dodici consiglieri delle opposizioni di bocciare nuovamente il rendiconto di gestione.

Alle porte ora si potrebbe preconfigurare lo scioglimento del consiglio comunale dopo che la Prefettura di Salerno avrà accertato la validità della seduta non più rinviabile. Ora è compito della segretaria generale a procedere all’inoltro alla Prefettura dei verbali del consiglio comunale e poi nell’eventualità nominare un commissario ad acta per la verifica del rendiconto di bilancio all’eventuale possibilità di sciogliere anticipatamente sulla data prevista della scadenza naturale il l’assise cittadina.

L’assenza della maggioranza è da interpretare anche con la criticità di avere i numeri per approvare lo strumento economico e finanziario è la surroga di Alfredo Pauciulo assente da mesi per motivi di salute è stata determinante, pare che il consigliere comunale dopo una prima rinuncia abbia nuovamente prodotto le sue dimissioni a mezzo posta certificata solo nel tardo pomeriggio di oggi contribuendo in maniera decisa a creare dubbi sulla sua sostituzione. Il clima ad Angri è incerto, Ferraioli è alle strette e potrebbe anche pensare a una uscita strategica con le dimissioni anticipate, ma per il momento sono supposizioni.
Luciano Verdoliva