Angri. Rendiconto e commissario. Il sindaco Ferraioli ricorre al TAR

Il sindaco Ferraioli ricorre al Tribunale Amministrativo Regionale della Campania sezione staccata di Salerno (Sezione Seconda) per l’annullamento degli atti riguardanti la bocciatura del rendiconto di gestione

Cosimo Ferraioli
Cosimo Ferraioli

Il sindaco Ferraioli ricorre al Tribunale Amministrativo Regionale della Campania sezione staccata di Salerno (Sezione Seconda). Nella qualità di Sindaco del Comune di Angri, rappresentato e difeso dall’avvocato Marcello Fortunato, lo fa contro il Comune di Angri ovvero: Rita Amarante, Luigi D’Antuono, Domenico D’Auria, Giuseppe Del Sorbo, Vincenzo Ferrara, Gianluca Giordano, Ivan Lanzione, Eugenio Lato, Pasquale Mauri, Alberto Milo, Annamaria Russo, Giacomo Sorrentino, non costituiti in giudizio; per l’annullamento degli atti riguardanti la bocciatura del rendiconto di gestione.

Il Tar accogliendo la “sussistenza di ragioni d’urgenza, investendo la proposta impugnativa atti incidenti sul corretto funzionamento dell’Ente Comune” ritiene “di dover accogliere l’istanza di abbreviazione dei termini per la fissazione dell’udienza camerale di trattazione dell’incidente cautelare fino alla metà, con proporzionale riduzione dei termini a difesa” e “Accoglie l’istanza di abbreviazione dei termini per la fissazione dell’udienza camerale di trattazione dell’istanza cautelare, che fissa al 24 luglio 2019”.