Givova Ladies. Giovani di qualità per puntare alla serie A.

Dopo l’arrivo delle due argentine, e la riconferma dello zoccolo duro, ben sette atlete, in casa Givova Ladies è il momento, in ordine di arrivo, della guardia Elisa Ghielmi, dell’ala Sofia Mazzullo, e dell’ala-centro Benedetta Corbani

Dopo l’arrivo delle due argentine, e la riconferma dello zoccolo duro, ben sette atlete, in casa Givova Ladies è il momento, in ordine di arrivo, della guardia Elisa Ghielmi, dell’ala Sofia Mazzullo, e dell’ala-centro Benedetta Corbani, tre nuovi tasselli under 20 che vanno ad arricchire ulteriormente il team di Coach Ottaviano.

Elisa Ghielmi, classe 2001, altezza 175 cm, la scorsa stagione ha dilettato nella Pallacanestro Femminile Varese: “Sono sicura che sarà un’esperienza importantissima per la mia crescita cestistica e personale, nonostante dovrò lasciare per un po’ tutto quello che ho a casa. Ma non vedo l’ora di iniziare. Mi aspetto intensità, lavoro duro, divertimento e tante soddisfazioni. Il progetto della società è interessante, puntare sulle giovani secondo me è una cosa importantissima anche se rischiosa, e spero di riuscire a dare il massimo assieme alle mie compagne”.

Sofia Mazzullo, classe 2002, altezza 178 cm, sogna già la promozione: “l mio più grande obiettivo attuale è quello di portare la nostra squadra in serie A. Dopo i quattro giorni di Open Days credo ci siano tutti i presupposti per fare un ottimo lavoro. Non vedo l’ora di cominciare, di ritornare sul campo, e di iniziare a divertirmi con le nuove compagne di squadra”.

Benedetta Corbani, classe 2000, altezza 186 cm, è già pronta per cominciare la nuova stagione: “Mi aspetto di migliorare ancora di più dal punto di vista tecnico-tattico e individualmente. Sono sicura che imparerò cose nuove. Inoltre potrò confrontarmi con giocatrici esperte e questo spero mi faccia crescere ancora di più dal punto di vista personale, oltre alla possibilità di fare nuove conoscenze, e di accrescere il mio bagaglio. Credo che ci sono tutte le basi per fare bene e, perché no, puntare a traguardi importanti”.

CS