Angri. Il Commissario Valeri: al lavoro per garantire vivibilità

Con l’arrivo di Valeri c’è stato un sostanziale snellimento di procedure burocratiche, anche per le azioni più semplici e ordinarie

Alessandro Valeri
Alessandro Valeri

Gli uffici del comune restano vuoti per la settimana di ferragosto. L’ufficio che fino a qualche mese fa era esclusivo presidio del sindaco Cosimo Ferraioli è invece molto attivo. Seduto dietro alla scrivania con una agenda fitta di “cose da fare” c’è il commissario prefettizio Alessandro Valeri. Un ex poliziotto di “sostanza” e concretezza che si sta impegnando nella risoluzione dell’ordinaria amministrazione irrisolta dall’esecutivo Ferraioli.

Con l’arrivo di Valeri c’è stato un sostanziale snellimento di procedure burocratiche, anche per le azioni più semplici e ordinarie. Azioni e provvedimenti che prima dovevano essere super vagliate nei minimi particolari da assessori e consultori. Figure spazzate via, almeno per ora, dalla nomina prefettizia di Valeri, già ben voluto anche dai dipendenti che stanno apprezzando la sua pragmaticità. Valeri in poche settimane si è messo in contatto con tutta la società civile comunicando senza affanni provvedimenti e deliberando su azioni che prima erano rese impossibili da calcoli politici e assurdi veti incrociati. L’incompetenza è solo un vago ricordo.

Ampio raggio d’azione
In strada si avverte l’azione distaccata del commissario che ha fatto già rimuovere, dall’azienda speciale, ingombranti e gomme depositate da tempo lungo Via Nazionale. Valeri ha anche chiesto la bonifica e la messa in sicurezza di Palazzo Doria, preso di mira da ignoti, che nelle ultime sere hanno consumato atti vandalici tra le storiche mura dell’antica struttura legata al maniero.

In queste settimane ha anche incontrato i dirigenti scolastici delle scuole cittadine. Con loro si è sincerato della messa in sicurezza dei plessi garantendo anche l’immediata erogazione dei servizi scolastici: refezione e trasporto. Servizi che saranno regolarmente ripristinati con l’avvio dell’anno scolastico, a termine dei due mesi di proroga, sarà istruito il bando di gara per l’affidamento definitivo. Sempre in tema di servizi sociali Valeri ha messo un freno alla diaspora nel Centro Anziani, caratterizzato in questi anni da una assurda e intestina guerra tra fazioni di nonnini. Valeri ha rimosso per deliberazione il commissario e ha messo nelle mani dell’ex dirigente, Alfonso Toscano, la gestione del centro di Via Cristoforo Colombo. Capitolo Polizia Locale: Valeri assicura che presto saranno reclutate nuove unità in attesa di potere attingere dalla maxi graduatoria del concorsone regionale del “Piano Lavoro”, al quale il comune ha aderito in extremis.

La macchina amministrativa
Lo stesso Valeri ha inoltre richiesto il dissequestro dell’area di smaltimento dei rifiuti cimiteriali all’interno del camposanto per avviare il processo di bonifica necessario per riportare alla normalità le attività della struttura cimiteriale di Via San Gennaro. Attenzione anche ai necrofori che da tempo rivendicano migliori condizioni di lavoro e maggiore sicurezza durante il servizio. Anche nel campo dei lavori pubblici il commissario è molto attivo ed è pronto a dare slancio a una serie d’interventi incompiuti progettati e realizzati durante la gestione Ferraioli: la realizzazione di un’aiuola in Via Quarto Santa Lucia e la possibile apertura del campetto di calcio all’interno del plesso scolastico del III Circolo in località Taverna.

Valeri ha anche ascoltato e recepito le istanze degli organizzatori del “Palio Storico Città di Angri” optando per una complessiva apertura al dialogo tra gli attori coinvolti nella tradizionale manifestazione istituzionalizzata proprio durante il sindacato Ferraioli. Capitolo a parte per la gestione pubblica illuminazione al vaglio del Prefetto: l’appalto è stato messo sotto osservazione e ora necessita di essere valutato con istanze e controdeduzioni.
Luciano Verdoliva