Pagani. Pubblica illuminazione, sbloccata la gara d’appalto

Il bando promosso varato dall’amministrazione di Salvatore Bottone, dopo il parere già espresso dalla giustizia amministrativa, viene legittimato anche dalla sentenza del Tar

Tar Tribunale Amministrativo Salerno
Tar Tribunale Amministrativo Salerno

E’ regolare Il bando di gara per l’assegnazione della gestione della pubblica illuminazione. Il bando promosso dall’amministrazione di Salvatore Bottone, dopo il parere già espresso dalla giustizia amministrativa, viene legittimato anche dalla sentenza del Tar.

Il ricorso presentato da una delle ditte, scrive il quotidiano “La Città” è stato dichiarato inammissibile. L’ente di Piazza D’Arezzo deve anche essere risarcito delle spese giudiziarie con 1.500 euro.

La decisione del Tar
A difendere l’Ente gli avvocati Giuseppe Serretiello e Silvia Mastrangelo. La camera di consiglio del Tar – sede distaccata di Salerno ha deciso nel merito lo scorso 9 luglio con sentenza pubblicata alla fine del mese. Il comune aveva approvato in Consiglio comunale, nel novembre dello scorso anno, la proposta di project financing per la gestione dell’illuminazione pubblica. Lo scorso 14 gennaio, il responsabile del settore pianificazione lavori pubblici aveva indetto la gara d’appalto per l’affidamento del servizio di pubblica illuminazione, precisando che a base di gara era posto il progetto d i fattibilità tecnico ed economico elaborato dalla ditta proponente.

Il ricorso bocciato
Contro il bando si oppone una delle ditte che, nonostante non avesse partecipato alla fase di scelta del promotore del progetto, sottolineava l’illegittimità in cui sarebbe incorsa l’amministrazione. Da qui il ricorso al Tar contro l’Ente di Palazzo San Carlo e la società promotrice definitivamente bocciato.