Scafati. Raccolta rifiuti: via all’assunzione di dodici unità all’ACSE

Il manager Daniele Meriani a capo della partecipata confida “di avere a disposizione le 12 unità entro il mese di novembre"

Scafati ACSE
Scafati ACSE

Scafati ha autorizzato la partecipata a espletare l’iter che possa portare, entro tre mesi al potenziamento dell’organico dell’Acse, attualmente in pianta organica ridotta dopo licenziamenti e il pensionamento di una ventina di operatori. Per il reclutamento, scrive Metropolis, saranno chiesti preventivi a tre note aziende del settore. Il manager Daniele Meriani a capo della partecipata confida “di avere a disposizione le 12 unità entro il mese di novembre”.

Tempi lunghi dettati dall’iter burocratico
Tempi piuttosto lunghi dettati dalle farraginose procedure e normative chiarisce Meriani. Le assunzioni saranno quindi attuate a condizione che vengano effettuate con procedura di evidenza pubblica (su piattaforma telematica) per massimo 3-4 mesi e finalizzate a individuare operatori per la raccolta dei rifiuti. Un bando istruito primariamente per permettere ai lavoratori attualmente in servizio di godere le ferie.

Ferie costose. Quindi meglio il reclutamento degli stagionali
Negare le ferie per mancanza di personale che possa sostituire i lavoratori genera un debito all’Acse per il pagamento delle “ferie non godute”. L’importo di questo debito è, in questi casi, più alto del costo dell’assunzione del nuovo personale in sostituzione. Da qui la convenienza dell’operazione, e l’ok definitivo. Per le assunzioni a tempo indeterminato sarà necessario espletare invece apposito concorso pubblico.