Pompei. Modelle oltre le barriere per raccogliere fondi a scopo solidale

Modelle oltre le barriere a Pompei sfilano in passerella per «L’altra faccia della Moda 2019 – impossibile is nothing».

(Selcuk Acar / AA / TT / LaPresse)

Modelle oltre le barriere a Pompei sfilano in passerella per «L’altra faccia della Moda 2019 – impossibile is nothing». «L’obiettivo – spiegano gli organizzatori – è di abbattere le barriere culturali nel mondo del fashion perché la bellezza va al di là della perfezione del corpo».  Una serata di gala che vedrà in passerella ragazzi e ragazze diversamente abili insieme a modelli e modelle professioniste, indossando abiti firmati da prestigiosi stilisti italiani.

L’appuntamento ha anche uno scopo solidale: raccogliere fondi per dotare il comune di Pompei di una pedana mobile adatta ad utenti con difficoltà motorie. Lo speciale evento, che vuole abbattere le «barriere culturali» nel mondo del fashion, giunto quest’anno alla quinta edizione, è promosso dalla «Unione italiana per la lotta alla distrofia muscolare» (Uildm) – sezione di Ottaviano, in collaborazione con l’associazione «Fashion Week Milano Moda» (FWMM), con il supporto organizzativo della città di Pompei e con il patrocinio morale della regione Campania, della Città metropolitana di Napoli, del comune di Napoli, del comune di Ottaviano e del comune di Striano.

«Il nostro spiegano gli organizzatori non è un grido di pietismo o di favoritismi, ma è un modo per trasmettere la voglia di vivere, di essere accettati dalla società e soprattutto la voglia di sentirsi sensuali e belli anche senza poter camminare indossando vestiti eleganti e un tacco 12». L’evento è in programma domenica 29 settembre, dalle ore 19, nel teatro «Di Costanzo-Mattiello» è sarà condotto da Monica Marangoni e da Jerry Di Martino