Scafati. Cabina di Regia, lavori per nuova rete fognaria

Promosso dall’assessore ai Lavori Pubblici Alessandro Arpaia

Scafati Via Martiri d'Ungheria Lavori
Scafati Via Martiri d'Ungheria Lavori

Lavori per la nuova rete fognaria, istituita la cabina di regia. A promuovere il tavolo tecnico tra le parti interessate, l’assessore ai Lavori Pubblici Alessandro Arpaia. Un primo importante incontro si è tenuto lunedì 9 settembre presso Palazzo Mayer. Al tavolo erano presenti, oltre ad Arpaia, i dirigenti Erika Izzo con Antonio D’Amico, per la Regione Campania (Ex Arcadis) l’architetto Giulio Espero, Rup dei lavori; l’ing. Mario Gaeta, direttore dei lavori Iterga; l’ing. Massimo Mariconda, direttore dei lavori appaltati alla ditta Malinconico. Per l’Iterga (azienda appaltatrice) c’erano gli ingegneri Scordo e Giacco; per la Malinconico l’ing. Di Munno.

Conferenza dei servizi

Presenti anche responsabili Gori e 2i Rete Gas. Convocata l’associazione dei commercianti scafatesi con Silvio Amato e Giulio Chirico. “Entro 15 giorni l’impresa e la direzione dei lavori trasmetteranno il cronoprogramma dei lavori aggiornato, al fine di consentire ogni utile valutazione e coordinamento sulla viabilità dell’Ente da parte degli uffici preposti – spiega Alessandro Arpaia – il documento conterrà tutte le attività lavorative ancora in corso o da eseguire, e finalizzate al completamento dei lavori della rete fognaria sul territorio di Scafati”. Un confronto che ha toccato ogni problematica inerente, sia attuale che pregressa. Si parte dal rallentamento del cantiere su via Martiri D’Ungheria, così come sollecitato dai commercianti presenti. Ai due è stato spiegato che il termine previsto è per fine ottobre, attualmente si procede a ritmo di 6 metri al giorno.

La problematica

“Ho sollecitato la Gori e l’Iterga ad una maggiore coordinazione, ricordando loro i danni avuti tempo fa, quando ci furono cedimenti del manto stradale in diverse aree della città. Disagi causati proprio da perdite occulte della rete idrica” chiarisce l’assessore Arpaia. Ai commercianti, preoccupati per le ricadute economiche provocate alle loro attività, è stato spiegato che il ritardo è dovuto anche agli espropri non ancora conclusi, mentre su via Passanti a provocare disagi è la forte presenza di sottoservizi e delle intersezioni. Prossimo step dovrebbe essere il tratto da via Giovanni 23° al cavalcavia Moscati. I commercianti, considerato la prossimità del periodo natalizio, hanno chiesto di temporeggiare. Dall’Iterga la promessa di verificare la possibilità di spostare il cantiere prima su via Nuova San Marzano. “L’intento è di rivederci con cadenza almeno mensile, così da monitorare costantemente l’andamento dei lavori” conclude Arpaia.

Adriano Falanga