Batterie auto a prezzi stracciati evadendo l’Iva, 7 arresti

Guardia di Finanza
Guardia di Finanza

Aveva base a Napoli la banda di evasori che, grazie a un vorticoso giro di fatture per operazioni inesistenti, riuscivano a evadere l’Iva e a piazzare sul mercato batterie per auto a prezzi estremamente concorrenziali penalizzando fortemente la concorrenza. A scoprire il modus operandi fraudolento della banda e’ stata la Guardia di Finanza di Napoli che coordinata dalla terza sezione Criminalita’ Economica della Procura partenopea ha arrestato sei uomini e una donna, sequestrato beni mobili e immobili per oltre 1,5 milioni di euro ed eseguito 24 perquisizioni nelle province di Napoli, Caserta, Salerno, Torino e Sassari. La ditta con base a Napoli, e’ emerso dalle indagini iniziate nel 2016, acquistava la merce a Barcellona grazie a un societa’ “fantasma” con sede a Volla (Napoli) la quale ha sempre omesso di versare l’Iva. E cosi’ la concorrenza finiva in difficolta’ in quanto incapace di offrire ai clienti gli stessi prezzi. Le fatture inesistenti ammonterebbero a oltre 5 milioni di euro. (ANSA).