Angri. Questione sicurezza, l’appello dei pensionati CISL

Angri. Furti nelle case. Atti di vandalismo gratuito in pieno giorno. Auto oggetto di scritte con pennerelli. Case prese di mira da ladri e oggetto di sassaiole...

Emergenza Sicurezza
Emergenza Sicurezza

Angri. Furti nelle case. Atti di vandalismo gratuito in pieno giorno. Auto prese di mira da giovanissimi che con pennarelli incidono sulla carrozzeria dei veicoli segni anche osceni. Case prese di mira con sassi e altri oggetti recuperati lungo le strade. Fenomeni di microcriminalità diffusa spesso sottovalutati senza una denunzia circostanziata alle forze dell’ordine. Il fenomeno delinquenziale in genere preoccupa anche le fasce più deboli soprattutto gli anziani che vivono e trascorrono il territorio quotidianamente.

Significativo l’appello dei pensionati della Cisl provinciale. “Serve garantire la sicurezza dell’intera comunità. Fenomeni deliquanziali da combattere anche con un commissariato di polizia in città” dice il segretario Giovanni Cantalupo che rinforza l’appello fatto in precedenza contro la diffusa microcriminalità cittadina. “Combattere contro la microcriminalità organizzata in una zona di frontiera come Angri è compito difficile e i reati, nonostante i nostri appelli, continuano a destare preoccupazione – spiega Cantalupo – in particolare sono in aumento furti in abitazione o non mancano i danneggiamenti alle auto parcheggiate finanche in centro. Ogni giorno i nostri iscritti ci raccontano delle gravi difficoltà che incontrano passeggiando tra le strade della città, tra le vie del centro cittadino e nel cuore della periferia”.

Rafforzare la vigilanza
Pur sottolineando come le forze dell’ordine svolgano il loro compito con professionalità e spirito di abnegazione la Cisl Fnp sottolinea che per avere un’azione più efficace occorrerebbe un potenziamento del personale con un aumento di agenti della Polizia Locale.

Cantalupo fa appello a Questore e Prefetto perché siano portavoce presso il ministero dell’Interno per l’assegnazione di nuovo personale presso la locale stazione dei Carabinieri. C’è la necessità di dare vita ad una task force tra polizia municipale e le altre forze dell’ordine per contrastare il preoccupante aumento dei reati che ha creato un forte allarme sociale e un senso d’insicurezza sempre maggiore nella cittadinanza in particolare nelle persone anziane.

Basta essere ostaggi
“ Occorre perciò rafforzare la vigilanza per assicurare maggiore sicurezza e tranquillità ai cittadini e agli anziani in particolare. È inutile negare che ad Angri nell’ultimo periodo – conclude il segretario della Cisl Fnp – gli episodi sono aumentati, ma i cittadini non possono essere ostaggio di un alcuni facinorosi che attentano la nostra comunità. L’intera classe politica locale deve decidere di mettere la faccia per ribadire contrarietà assoluta alla criminalità. Magari ragionando anche sull’istituzione di un commissariato di polizia in città”.
Luciano Verdoliva