Angri. Via Adriana, stalli sosta a tempo occupati intere giornate

Sosta a tempo disattesa. Una situazione che non piace ai titolari delle attività commerciali poste lungo la ex strada provinciale Via Adriana

Angri scuola I Circolo Didattico parcheggi
Angri scuola I Circolo Didattico parcheggi

Attività commerciali sul piede di guerra. Succede in Via Adriana, strada super trafficata per la vicinanza del polo scolastico e di un’area di sosta con circa una ventina di stalli posati lungo la Via Adriana.

Disco orario non rispettato
Stalli regolati dal disco orario che però vengono puntualmente occupati per intere giornate dagli autoveicoli di persone che lasciano, per motivi di lavoro, in sosta la propria auto per raggiungere con i mezzi pubblici le città capoluogo della regione e della provincia. Chi parcheggia l’auto in questi stalli regolati dalla sosta a tempo considera l’area “un porto franco” dai controlli poiché anche il comando di Polizia Locale è in affanno di personale come più volte ribadito dal comandante Anna Galasso che chiede un rinforzo della pianta organica. Nella zona infatti servono almeno un paio di agenti a presidio fisso.

Una situazione che non piace ai titolari delle attività commerciali poste lungo la ex strada provinciale Via Adriana. Lungo il tratto infatti sorge anche il polo scolastico realizzato a pochi metri dalla ex strada Provinciale Via Adriana che spesso dà origine a ingorghi e traffico. Nell ore di punta la strada provinciale si blocca completamente, soprattutto durante l’entrata e l’uscita delle scuole.

Una soluzione già prospettata
Proprio l’endemica carenza di aree di sosta rende Via Adriana ambita per i pochi parcheggi nei pressi della Direzione Didattica del I circolo Fusco. Le amministrazioni comunali degli ultimi venti anni, che si sono succedute, non hanno mai concretamente individuato delle aree di parcheggio alternative dove realizzare parcheggi capaci di liberare la strada ex Provinciale Adriana dalla sosta selvaggia. Qualche settimana fa è stata pubblicamente avanzata una soluzione possibile: nell’area retrostante i due istituti scolastici c’è un ampio spazio recintato, pare di proprietà della Provincia e affidato a ISIS “Fortunato”.

L’area da tempo inutilizzata per le attività didattiche si presenta abbandonata e senza la minima manutenzione. Lo spazio, di circa 1200 metri quadrati, potrebbe essere la soluzione per realizzare i parcheggi che consentirebbero soste prolungate e libererebbero in maniera determinante gli stalli a tempo riservati proprio alla sosta breve per chi deve servirsi delle attività commerciali presenti in loco.
Luciano Verdoliva